23 views 3 mins 0 comments

Piazza Affari Chiude in Positivo, Protagoniste A2a e StMicroelectronics

In ECONOMIA
Marzo 27, 2024

La Borsa di Milano conclude la giornata di metà settimana con un segno positivo, registrando un incremento dello 0,21% che porta l’indice Ftse Mib a 34.759 punti. Tra i titoli di spicco che hanno trainato l’indice verso il territorio positivo troviamo A2a, con un impressionante +2,3%, e StMicroelectronics (StM) che si è apprezzata dell’1,49%, distinguendosi come le migliori per performance nella giornata odierna.

Da un lato A2a, operatore nel campo energetico, ha beneficiato di un clima favorevole sul mercato, accentuato forse da politiche aziendali in grado di suscitare l’interesse dell’investitore. StM, azienda attiva nel settore semiconduttori, ha continuato a mostrare la sua forza nel mercato tecnologico, confermando la solidità della sua posizione anche in un contesto di mercato complessivo incerto.

Meno rosea è la situazione per il settore bancario. La Banca Monte dei Paschi di Siena (Mps) ha chiuso in territorio negativo, segnando una flessione dell’1,34% e toccando quota 4,19 euro per azione, avvicinandosi al prezzo di 4,15 euro fissato durante il recente collocamento del 12,5% delle azioni da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Bper Banca ha invece registrato la performance peggiore tra le banche, con una discesa del 2,34% in mezzo a voci di corridoio che la vedono come una possibile protagonista nell’ambito di consolidamenti e acquisizioni bancarie, noto come risiko bancario.

L’attenzione degli investitori si è posata anche su Tim, che ha segnato un calo dell’1,41%, con gli occhi puntati verso la mezzanotte di venerdì, termine ultimo per la presentazione delle liste destinate al rinnovo del consiglio di amministrazione dell’azienda.

Nel frattempo, Nexi ha subito un decremento dell’1,34% su insinuazioni che Unicredit, con una flessione minore dello 0,29%, possa essere vicina alla revisione dei termini del proprio accordo commerciale con la società di pagamenti elettronici.

Tra le note negative si segnala anche la performance di Saipem, che, in contrasto con il settore energetico positivo guidato da A2a, ha avuto un calo del 2,4%, pur non avendo motivo evidente per tale declino.

Contrariamente, Mfe si è distinta con un favorevole +2,5% malgrado il rifiuto da parte della tedesca Prosieben della proposta di scorporo delle attività non chiave che riguardavano l’azienda.

In generale, la seduta di Piazza Affari ha mostrato una tendenza moderatamente positiva con alcuni titoli che hanno brillato per le eccellenti performances, ma anche settori in contrazione che hanno subito cali significativi. Sarà interessante monitorare l’andamento nei prossimi giorni per comprendere se questi movimenti saranno confermati o se si assisterà a variazioni di tendenza in alcuni dei settori coinvolti.