201 views 2 mins 0 comments

 Benevento, aggredisce e minaccia i carabinieri, uomo arresato.

In BENEVENTO, CRONACA
Aprile 27, 2024
Il giovane, su disposizione della Procura della Repubblica di Benevento, veniva tradotto presso la propria abitazione, in regime di arresti domiciliari.

Alle prime luci dell’alba, in una zona centralissima della città, un equipaggio del dipendente N.O.R. – Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Benevento, nel corso dell’espletamento di un servizio di controllo del territorio, notava un giovane, in forte stato di agitazione, che stava danneggiando un’autovettura parcheggaiata, con calci e pugni. Immediato l’intervento dei militari fermatisi per accertare cosa stesse accadendo e per cercare di riportare alla calma il ragazzo.  L’uomo, già conosciuto alle FF.OO., appariva molto irrequieto e, alla richiesta dei Carabinieri di fornire le proprie generalità, inveiva contro i militari, minacciandoli di morte e strattonandoli ripetutamente, salvo poi lanciarsi contro l’autovettura di servizio danneggiandola con calci e pugni. Il 24enne veniva subito bloccato e tratto in arresto per i reati di resistenza a un Pubblico Ufficiale, danneggiamento e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale. Il giovane, su disposizione della Procura della Repubblica di Benevento, veniva tradotto presso la propria abitazione, in regime di arresti domiciliari. L’aumento del numero delle pattuglie dell’Arma da parte del Comando Provinciale Carabinieri di Benevento, impegnate costantemente nel servizio di controllo del territorio, è finalizzato soprattutto alla prevenzione dei reati in genere e alla repressione dei vari fenomeni delinquenziali e degli episodi di microcriminalità e, in questa circostanza, ha consentito di individuare e subito trarre in arresto l’autore del reato. Nell’occasione, si raccomanda ai cittadini di segnalare immediatamente persone e mezzi sospetti al Numero di Emergenza 112. L’uomo tratto in arresto è, pertanto, allo stato indagato e quindi presunto innocente fino a sentenza definitiva.

di Marco Iandolo