159 views 3 mins 0 comments

Rivoluzione nelle Polizze Assicurative: L’Ascesa delle Soluzioni Parametriche

In ECONOMIA
Maggio 10, 2024

In un mondo sempre più orientato alla velocità e all’efficienza, il settore assicurativo sembra fare un significativo passo avanti con l’introduzione più estesa delle polizze parametriche. Queste offrono un meccanismo di indennizzo basato su criteri predefiniti, che elimina l’attesa e la burocrazia di una perizia tradizionale. L’Ivass, l’autorità di vigilanza sulle assicurazioni, sottolinea il potenziale di queste polizze di estendersi ben oltre il settore agricolo, trasformando radicalmente il rapporto tra assicurati e assicuratori.

Nate negli anni ’90 per rispondere a necessità legate a eventi catastrofali, le polizze parametriche trovano oggi nuova vita grazie a innovazioni tecnologiche come la blockchain e l’intelligenza artificiale. In Italia, la loro applicazione si è inizialmente concentrata nel settore agricolo, per tutelare le aziende da danni dovuti a avversità climatiche. Tuttavia, il potenziale di queste soluzioni è vasto e potrebbe rivoluzionare molti altri ambiti assicurativi.

La funzionalità delle polizze parametriche si distacca dal modello tradizionale poiché non si basano su una stima post-evento del danno subito, ma su criteri oggettivi e misurabili predefiniti. Superata una certa soglia, indicata nel contratto, si attiva automaticamente la procedura di indennizzo. Questo meccanismo semplifica notevolmente i processi, ashortando tempi di attesa spesso lunghi e stressanti per l’assicurato.

Uno dei punti di forza di queste polizze è la riduzione delle possibilità di contenzioso, dato che le condizioni per l’ attivazione dell’ indennizzo sono chiare e condivise sin dall’ inizio del contratto. Inoltre, la capacità di prevedere e quantificare in anticipo l’ indennizzo rende queste polizze molto attrattive per chi cerca soluzioni assicurative immediate e meno aleatorie.

Un ruolo importante all’interno di questa dinamica è svolto dagli “oracoli”, figure professionali che verificano e certificano l’avvenimento degli eventi secondo i parametri contrattualizzati. Questi esperti svolgono una funzione cruciale nel garantire la trasparenza e la correttezza dei pagamenti, consolidando la fiducia nell’uso delle polizze parametriche.

L’estensione delle polizze parametriche ad altri settori potrebbe, secondo l’Ivass, ridurre il fenomeno della sottoassicurazione, molto diffuso in Italia, offrendo coperture più adeguate e accessibili. Inoltre, per le compagnie assicurative, rappresentano un’opportunità per diversificare l’offerta e rispondere con maggiore flessibilità alle esigenze di un mercato in costante evoluzione.

In conclusione, le polizze parametriche si propongono come uno strumento innovativo capace di conferire maggiore certezza e rapidità nelle pratiche assicurative, beneficiando sia gli assicurati che le compagnie. Con il progresso tecnologico a sostegno di questa visione, il futuro delle assicurazioni potrebbe essere molto più dinamico e rispondente alle reali necessità degli utenti, segnando un vero e proprio cambiamento paradigmatico nel settore.