56 views 3 mins 0 comments

Accoglienza Trionfale per Mattarella al Congresso dell’ANM a Palermo

In POLITICA
Maggio 10, 2024

L’ingresso del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Teatro Massimo per il 36esimo congresso dell’Associazione Nazionale Magistrati, è stato segnato da un’effusione calorosa e un prolungato applauso. L’evento, intitolato “Magistratura e legge tra imparzialità e interpretazione”, ha visto una vasta partecipazione di personalità di spicco, tra cui il presidente del Senato, Ignazio La Russa, il presidente della Regione Sicilia, Renato Schifani, il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gaetano Galvagno, e il prefetto di Palermo, Massimo Mariani.

All’esterno del teatro, il pubblico ha caldamente accolto il capo dello Stato con un applauso spontaneo; gesto a cui Mattarella ha risposto con un cortese saluto. L’ovazione dentro il teatro evidenzia il rispetto e l’affetto che il pubblico nutre verso il presidente, riconoscendone il ruolo istituzionale e la figura di equilibrio e saggezza che incarna.

Nel corso dell’evento, Renato Schifani ha eloquentemente espresso concetti sui principi di imparzialità della magistratura, sottolineando come questa non debba essere solo una direttiva tecnica, ma un fondamentale valore etico. Secondo Schifani, oltre all’importanza di mantenere un comportamento privo di pregiudizi, un magistrato deve promuovere attivamente una percezione di neutralità. Tale neutralità, chiamata anche “neutralità dell’apparenza”, non solo garantisce l’imparzialità verso chi è soggetto a giudizio, ma rafforza anche la legittimità della magistratura agli occhi della pubblica opinione.

Il presidente della Regione Siciliana ha inoltre evidenziato che l’essere percepiti come imparziali è tanto cruciale quanto l’essere realmente imparziali. Questo principio diventa fondamentale per la sovranità del potere giudiziario e l’integrità di ogni processo. La figura del magistrato, quindi, assume un ruolo di garante dei diritti e delle libertà fondamentali, diventando simbolo di un potere giudiziario pulito, giusto e imparziale.

Quest’esternazione apro il dibattito su quanto sia complesso e sfaccettato il ruolo del magistrato nella società contemporanea, dove il confine tra legge, etica e percezione pubblica si intreccia in maniera sempre più intricata. Lo scenario attuale richiede una riflessione profonda sulle prassi giuridiche e sulla loro evoluzione, così come sull’importanza dell’etica professionale in campi tanto cruciali quanto quello giudiziario.

In conclusione, l’accoglienza ricevuta da Mattarella al congresso non è solo un tributo alla sua figura istituzionale, ma riafferma anche l’urgenza di promuovere e mantenere rigorosi standard di imparzialità nella magistratura. La giustizia, nel suo ideale più alto, deve restare un baluardo di equità e un pilastro su cui si fondano la fiducia e la coesione sociale.