11 views 2 mins 0 comments

Anac interviene sulla Diga foranea di Genova evidenziando irregolarità

In ECONOMIA
Marzo 28, 2024

La discussione sulle procedure di controllo e realizzazione della Diga foranea di Genova continua ad essere fonte di tensione tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) e l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac). Nel corso del 2023, l’Anac ha evidenziato diverse irregolarità nelle verifica dell’opera, sottolineando la sua funzione non di impedimento, ma di facilitazione nell’esecuzione dei lavori, nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Già dal 2022, l’Anac ha iniziato ad esaminare attentamente la situazione della Diga foranea, un’opera considerata di vitale importanza per il contesto infrastrutturale di Genova. Nel corso di queste verifiche sono state rilevate alcune criticità, che sono state prontamente comunicate alla struttura commissariale incaricata della realizzazione del progetto. Tuttavia, anziché risolvere queste problematiche, la stazione appaltante ha messo in dubbio la competenza dell’Autorità di intervenire in tale contesto.

Giuseppe Busia, a capo dell’Anac, insiste sulla necessità che la stazione appaltante non disperda energie nella contestazione delle competenze dell’Ente, ma si adoperi per sanare quanto prima le difficoltà segnalate. Questa enfasi è stata rafforzata dalla delibera del 20 marzo, in cui l’Anac ha formalizzato le proprie osservazioni, non per intralciare il progresso dell’opera ma, al contrario, per prevenire eventuali ostacoli o rallentamenti futuri legati al mancato rispetto delle procedure legali, che potrebbero compromettere i fondi destinati al progetto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

La posizione dell’Anac è cristallina: sottolinea la necessità di attenersi scrupolosamente alle norme di legalità, trasparenza e concorrenza, per garantire che l’opera proceda senza intoppi e che le irregolarità vengano corrette in tempo utile. Queste irregolarità, infatti, potrebbero avere conseguenze significative sui finanziamenti dell’Unione Europea, elemento fondamentale per il completamento dell’opera.

In conclusione, l’Autorità si presenta come un organo di controllo costruttivo, che mira a garantire la realizzazione di opere pubbliche in linea con le aspettative di legalità e efficienza, prescindendo da qualsiasi intento ostruzionista. La situazione attuale mostra un impegno da parte di Anac per sostenere e guidare la struttura commissariale verso la risoluzione delle problematiche e il completamento della Diga foranea di Genova nel rispetto delle norme, cercando di evitare qualsiasi possibile ripercussione negativa sul prezioso supporto finanziario europeo.