20 views 3 mins 0 comments

Il MEF Avvia la Vendita del 12,5% di Monte dei Paschi di Siena

In ECONOMIA
Marzo 26, 2024

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha preso una decisione significativa riguardo il suo portafoglio azionario in Monte dei Paschi di Siena (Mps), annunciando l’avvio di un’operazione di vendita per una quota pari a circa il 12,5% del capitale sociale della banca. Questo passo rappresenta un ulteriore tentativo di ridurre la partecipazione statale nell’istituto di credito, in linea con gli indirizzi e gli impegni presi dallo Stato italiano con la Commissione Europea.

Il collocamento, che coinvolge esattamente 157.461.214 azioni, sarà realizzato attraverso una procedura accelerata di bookbuilding, rivolta ad investitori qualificati italiani ed internazionali. Questo metodo permette una vendita rapida e efficiente, grazie alla raccolta di ordini da parte degli investitori in un lasso di tempo ristretto, generalmente tra uno e due giorni.

La decisione del MEF segue le azioni intraprese in passato per dismettere progressivamente la partecipazione statale in Mps, che era stata salvata da una crisi finanziaria anni fa attraverso un’operazione di salvataggio da parte dello Stato. Il ritorno di quote significative del capitale di Monte dei Paschi al mercato costituisce un passo importante verso il ristabilimento di condizioni di mercato ordinarie per la banca, nonché verso il rafforzamento della sua struttura azionaria.

La vendita di queste azioni ha, inoltre, una rilevanza specifica per il bilancio dello Stato: l’operazione potrebbe infatti apportare liquidità alle casse pubbliche, contribuendo al processo di rientro dagli investimenti effettuati per il salvataggio bancario.

Gli analisti del settore bancario osserveranno con attenzione l’esito della procedura di collocamento. Molti ritengono che una buona riuscita possa costituire un segnale positivo per la fiducia del mercato nel progetto di rilancio di Mps, che per anni ha navigato in acque turbolente, ma che ultimamente sembra aver intrapreso un percorso di stabilizzazione.

La banca, che è la più antica del mondo e rappresenta un simbolo della storia bancaria italiana, deve ancora fronteggiare diverse sfide per tornare ad essere completamente indipendente e competitiva. La riduzione della partecipazione statale non è solo un requisito dettato dalle regole europee in materia di aiuti di Stato, ma anche un’opportunità per attrarre nuovi capitali e partner strategici che possano supportare il suo percorso di rinnovamento.

Infine, lo svolgimento di questa operazione sarà seguito con interesse anche da parte dei cittadini italiani e dalle comunità locali legate alla storica istituzione, consci del fatto che gli esiti possono avere impatti significativi su economia, occupazione e, più in generale, sul tessuto socio-economico dei territori in cui la banca è radicata.