35 views 2 mins 0 comments

Il Tesoro italiano piazza titoli di Stato per 9,75 miliardi, ma il costo del debito sale

In ECONOMIA
Febbraio 28, 2024
Il rendimento dei Btp decennali tocca il 3,91% in aumento rispetto all'asta precedente - cresce la pressione sui tassi di interesse italiani

Un’intensa giornata di collocamenti per il Tesoro italiano che ha visto la dismissione di titoli di Stato per un importo complessivo di 9,75 miliardi di euro, distribuiti tra Btp quinquennali, decennali e titoli indicizzati all’inflazione dell’area euro (CcTeu). Tutte e tre le tranche hanno evidenziato una pressione al rialzo in termini di rendimento, riflettendo una tendenza crescente nel costo del finanziamento per il governo.

La prima tranche emessa ha riguardato i Btp con scadenza al 1° luglio 2029, per un totale di 3,75 miliardi di euro. La domanda ha superato l’offerta, assegnata su una richiesta complessiva di 5,268 miliardi di euro. Il tasso di interesse di questi titoli a medio termine ha subito un incremento, attestandosi al 3,41%, rispetto al 3,14% dell’asta precedente. Questo dato segnala una crescita del costo del debito per il biennio in esame e potrebbe riflettere aspettative di mercato relative a politiche monetarie più restrittive o a un innalzamento del rischio percepito sull’Italia.

I riflettori si sono inoltre posati sulla prima emissione di Btp benchmark a 10 anni, scadenti il 1° settembre 2034, che hanno trovato una domanda significativa, con oltre 6,1 miliardi di euro richiesti a fronte di un’offerta di 4,5 miliardi. Il rendimento ottenuto in asta ha raggiunto il 3,91%, in ascesa rispetto al 3,69% registrato nell’ultima operazione simile. Questo incremento rappresenta un segnale di allerta, poiché segna un costo più elevato per il finanziamento a lungo termine dello Stato, elemento cruciale per la gestione del debito pubblico.

Chiude il quadro il collocamento di 1,5 miliardi di euro in CcTeu con scadenza al 15 ottobre 2031. Questi titoli, la cui remunerazione è legata all’andamento dell’inflazione europea, hanno evidenziato un rendimento lordo del 5,20%, un dato significativo che sottolinea le aspettative inflazionistiche in atto nell’area euro e il premio richiesto dagli investitori per coprire tale rischio.

In conclusione, l’operazione di finanziamento odierna getta luce sullo scenario macroeconomico con cui l’Italia si confronta, e su come il mercato stia iniziando a richiedere tassi maggiorati per fronteggiare i crescenti rischi e incertezze. Gli analisti seguiranno con attenzione le dinamiche future dei mercati finanziari e le eventuali ripercussioni della politica monetaria della Banca Centrale Europea e della politica fiscale italiana sull’evoluzione dei costi del debito pubblico.