34 views 2 mins 0 comments

Prosieben Dice No a Mfe-Mediaset: Respinte le Richieste del Biscione

In ECONOMIA
Marzo 27, 2024

Il braccio di ferro tra Mediaset, attraverso la sua controllata Mfe, e Prosieben raggiunge un nuovo apice in vista dell’assemblea di fine aprile di quest’ultimo. Il gruppo media tedesco, guidato dal suo consiglio di amministrazione, ha ufficialmente respinto le richieste avanzate da Mediaset, il principale azionista con una partecipazione che si avvicina al 30% dei voti.

Le tensioni tra le due parti sono emerse a seguito di una serie di proposte da parte di Mfe-Mediaset, mirate a influenzare la gestione futura di Prosieben. Tra queste, la più eclatante è probabilmente la richiesta di scorporo delle attività non televisive del gruppo tedesco, con l’obiettivo di concentrarsi sul core business televisivo e preparare il terreno per una potenziale vendita di tali attività.

Altre richieste avanzate da Mfe comprendono modifiche significative nella composizione dei consigli e una revisione delle norme statutarie che regolano la diluizione del capitale. Il tentativo è chiaramente quello di poter esercitare un’influenza maggiore sulla strategia e sull’operato di Prosieben.

Tuttavia, la risposta dei board di Prosieben è stata decisa e netta: nessuna delle delibere proposte dal maggior azionista verrà accolta. Questa posizione apre uno scenario di confronto diretto durante la prossima assemblea, dove l’agenda predisposta da Mfe-Mediaset sarà comunque presentata per la votazione degli azionisti.

L’opposizione del Cda di Prosieben rappresenta un significativo ostacolo per le ambizioni di Mediaset, un’azienda che negli ultimi anni ha mostrato una volontà espansione e consolidamento nel panorama dei media europei attraverso iniziative come la creazione di MediaForEurope (Mfe). L’eventuale riuscita nel ridisegnare le strategie di Prosieben avrebbe potuto rappresentare un passo significativo per la realizzazione di questo sogno europeo.

Gli azionisti osservano ora con attenzione come si svilupperà questo scontro, consapevoli del fatto che l’esito dell’assemblea di fine aprile potrà determinare non solo il futuro di Prosieben, ma potenzialmente anche del panorama mediatico europeo. Nel frattempo, rimane da vedere se e come Mediaset reagirà all’opposizione incontrata, in una partita di strategia aziendale in cui, come spesso accade, le mosse future sono incerte e il tutto si gioca su una scacchiera dove ogni giocata può essere decisiva.