75 views 6 mins 0 comments

Un Paese da prendere a modello. La Finlandia per la settima volta è la nazione più felice al mondo

In ATTUALITA', INSERTI ATTUALITA'
Marzo 30, 2024
Nel confronto tra generazioni, i nati prima del 1965 sono, inmedia, più felici di coloro nati dopo il 1980.

Si è da poco celebrata la giornata mondiale della felicità istituita dall’ONU, in questa occasione, come ogni anno è stata emanata l’edizione 2024 del World Happiness Report (WHR) che fornisce un’analisi riguardo alla felicità nelle diverse età e generazioni in oltre 140 paesi. Per il settimo anno consecutivo la Finlandia è il paese più felice, seguita da Danimarca, Islanda e Svezia. Nella top10 rientrano alcuni stati europei: Paesi Bassi, Norvegia, Lussemburgo, Svizzera e Austria. La Germania è al 24° posto, seguono gli Stati Uniti d’America (23º) che quest’anno sono usciti dalla top 20, per la prima volta da quando il WHR è stato pubblicato, per la prima volta nel 2012, colpa il grande calo del benessere degli americani under 30. L’Italia esce dalla top 30 collocandosi al 41° posto, perdendo 8 posizioni rispetto alla precedente edizione. L’Afghanistan ed il Libano restano in fondo alla classifica come le nazioni ‘meno felici’ del pianeta. L’analisi è stata svolta da esperti interdisciplinari dei campi dell’economia, della psicologia, della sociologia ecc. che hanno tentato di spiegare le variazioni tra paesi e nel tempo utilizzando fattori come il PIL, l’aspettativa di vita, avere qualcuno su cui contare, il senso della libertà, generosità e percezione della corruzione. Per la prima volta, il rapporto fornisce classifiche separate per gruppi di età, che in molti casi variano ampiamente rispetto alle classifiche generali. La Lituania, per esempio, guida la lista per i bambini e i giovani piu’ felici sotto i 30 anni, mentre la Danimarca è la nazione più felice del mondo per coloro che hanno 60 anni e più.

Nel confronto tra generazioni, i nati prima del 1965 sono, in media, più felici di coloro nati dopo il 1980. In tutto il mondo i giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni sono più soddisfatti della vita rispetto agli adulti più anziani. Il WHR mostra però, che sebbene non tutti gli adolescenti e i giovani adulti si sentano meno felici, un numero ampio e crescente non riesce a sopportare di essere lasciato alla deriva senza un titolo accademico in un oceano economico che diventa sempre più complesso ogni anno che passa. Si ritiene che i social media svolgano un ruolo nel ridurre l’autostima e nel privare i giovani del loro benessere. Ma è la mancanza di istruzione, formazione professionale e la possibilità di accedere ad alloggi a prezzi abbordabili che sono alla base del vero declino delle prospettive positive di coloro che rientrano nella fascia di età della generazione Z, ovvero i nati nel nuovo millennio. Come evidenziato, il rapporto WHR indica che nei primi dieci posti in classifica, ben otto posizioni sono occupate da paesi europei. Emergerebbe che i popoli piu’ felici sono di destra in quanto il caso vuole che alle tornate elettorali di queste nazioni prevalgono i partiti di destra. Succede che in Finlandia dove il partito populista guidato da Riikka Purra, è stato il secondo partito più forte, con il 20,1% dei voti totali. Le elezioni tenutesi nei Paesi Bassi sono state vinte dal Partito della Libertà (PVV) di Geert Wliders, che ha ottenuto il 23,6%. Il Partito Democratico Svedese (SD), di estrema destra, si è qualificato come il secondo partito più forte alle elezioni, ricevendo il 20,5% dei voti. La situazione non è diversa in Portogallo dove l’Alleanza Democratica (AD) guidata da Luis Montenegro ha vinto le elezioni e il partito di estrema destra Chega (Basta), fondato nel 2019, ha ricevuto circa il 18% dei voti totali. In Italia, il partito guidato da Giorgia Meloni, Fratelli di Italia insieme alla Lega e Forza Italia sono saliti al potere nel 2022. In Francia il Fronte Nazionale, di estrema destra, attualmente denominato “Rassemblement National-RN”, calcola di diventare il partito più forte e arrivare al potere. Aspetto che potrà essere determinante per l’esito della prossima tornata elettorale del 8 e 9 giugno per il rinnovo del parlamento europeo. Quanto alla Finlandia, non ci resta che visitarla per renderci conto di quanta felicità possa trasmettere. Sarebbe auspicabile partire per un bel viaggio in Lapponia, uno dei posti migliori per vedere l’aurora boreale. Gli amanti della natura e della vita all’aria aperta apprezzeranno i suoi paesaggi spettacolari e più in particolare la regione dei laghi, se ne contano quasi 190.000, molti dei quali collegati l’un l’altro da fiumi. I viaggiatori in cerca di benessere e relax troveranno qui quello che cercano, la sauna per esempio, pratica ancestrale, è nota per i suoi benefici. E questo è un bene: quasi tre milioni di saune sono sparse ed utilizzate in tutto il Paese. Si dice che in Finlandia, le decisioni più importanti vengano prese in sauna, invece che durante le normali riunioni.

di Giuseppe Di Giacomo