45 views 3 mins 0 comments

Bitcoin Superstar: La Criptovaluta Supera i $45.000, Mentre le Borse Asiatiche Registrano Performance Miste

In ECONOMIA
Gennaio 02, 2024
Dati contrastanti dall'Asia agitano i mercati, ma il Bitcoin balza ad altezze non viste da anni, mentre cresce l'attesa per un nuovo Etf negli Stati Uniti.

In una giornata di alti e bassi per gli investitori globali, il Bitcoin ha rubato la scena correndo oltre la soglia dei 45 mila dollari per la prima volta in quasi due anni. La regina delle criptovalute ha registrato un incremento del 4,2%, raggiungendo i 45.456 dollari, secondo i dati più recenti. Questo balzo significativo è alimentato dalle aspettative di un’imminente approvazione da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) americana di un Exchange-traded fund (Etf) basato su Bitcoin, la più popolare tra le monete digitali.

Intanto, i mercati azionari dell’Asia hanno avuto un inizio di anno altamente variegato. Senza la guida della Borsa di Tokyo, chiusa per festività, i listini asiatici si sono divisi tra perdite e guadagni. I dati economici provenienti dalla seconda economia mondiale, la Cina, sono stati al centro delle attenzioni. L’indice pmi manifatturiero cinese è sceso inaspettatamente a dicembre a 49, al di sotto delle previsioni di 49,6, riflettendo una contrazione nell’attività manifatturiera. Nonostante una leggera ripresa nella costruzione, il settore dei servizi continua a mostrare segni di fatica, delineando una panorama economico che rimane complesso e incerto.

Di conseguenza, le borse cinesi hanno fatto registrare numeri in rosso, con Hong Kong che ha perso l’1,8%, Shanghai lo 0,4%, e Shenzhen lo 0,7%. In netta opposizione, i mercati di Seul e Sydney si sono rafforzati con un rialzo dello 0,5%.

Mentre l’Asia mostra segni di eterogeneità, l’Europa si prepara per i dati sugli indici pmi manifatturieri e, nel corso della settimana, per gli aggiornamenti sull’inflazione di dicembre. I mercati future anticipano un’apertura positiva per il Vecchio Continente. Anche per gli Stati Uniti si prevede una partenza tranquilla, con i future poco mossi prima dell’apertura del mercato.

Il petrolio è un altro tema caldo nel contesto economico attuale, con le tensioni in Medioriente che minacciano l’offerta di energia. La mossa dell’Iran di inviare una nave da guerra nel Mar Rosso seguendo gli avvenimenti recenti ha contribuito a generare nervosismo, spingendo al rialzo i prezzi del greggio. Il West Texas Intermediate (WTI) è avanzato dell’1,6% a 72,8 dollari, mentre il Brent ha guadagnato l’1,9%, arrivando a 78,5 dollari.

In un mondo alimentato da dati economici fluttuanti e da tensioni geopolitiche, la performance stellare del Bitcoin diventa un barometro dell’interesse sempre crescente degli investitori per le alternative digitali nella diversificazione del portafoglio. Sia che quest’anno ci riserverà più sorprese positive o meno, gli occhi del mondo restano puntati sulla volatilità dei mercati e sulle potenziali conseguenze per le economie globali.