77 views 3 mins 0 comments

Boom delle piccole e medie imprese nell’economia circolare

In ECONOMIA
Maggio 10, 2024

La crescente consapevolezza ambientale e la necessità di innovazione stanno guidando un notevole incremento delle pratiche di economia circolare tra le piccole e medie imprese (PMI) italiane. Un recente sondaggio, parte del 6° Rapporto del Circular Economy Network in collaborazione con ENEA, mostra che due terzi delle PMI nazionali, precisamente il 65%, hanno incorporato strategie circolari nei loro processi, segnando un significativo aumento rispetto al 32% registrato nel 2021.

Durante la Conferenza annuale sull’economia circolare a Roma, dove il rapporto è stato presentato, si è potuto notare un palpabile entusiasmo tra gli imprenditori, evidenza del crescente interesse verso modelli di business che non solo rispettano l’ambiente, ma offrono anche vantaggi economici tangibili. Ulteriormente, un 10% delle imprese si è detto pronto a seguire questa rotta nel futuro prossimo, delineando un trend in ascesa per l’economia circolare in Italia.

La ricerca condotta ha coinvolto circa 800 PMI, analizzando le varie modalità con cui queste aziende hanno integrato i principi di sostenibilità nei loro processi. Tra le pratiche più diffuse c’è l’utilizzo di materiali riciclati, adottato dal 68,2% delle imprese intervistate. La riduzione degli imballaggi è stata implementata dal 64% delle aziende, mentre il 53,2% ha messo in atto iniziative per aumentare la durabilità e la riparabilità dei prodotti.

Queste misure non solo contribuiscono a ridurre l’impatto ambientale, ma si traducono anche in benefici economici significativi. La maggiore sostenibilità ambientale è stata citata dal 70,4% degli imprenditori come il principale vantaggio dell’adozione di pratiche circolari, seguita da una riduzione dei costi di produzione, riferita dal 61% delle aziende.

Questi dati non solo sottolineano un’evoluzione positiva verso una maggiore responsabilità ambientale, ma rivelano anche come le PMI stiano riconoscendo nell’economia circolare un’opportunità per ottimizzare i loro processi produttivi e innovare. Oltre alla riduzione dei costi e l’aumento dell’efficienza, citati rispettivamente dal 61% e dal 35,6% delle aziende, il 34,2% dei rispondenti ha evidenziato l’impulso all’innovazione come uno dei principali benefici derivanti dall’adozione di tali pratiche.

L’accelerazione dell’integrazione dell’economia circolare rappresenta una pietra miliare per il settore industriale italiano, promettendo non solo un futuro più verde ma anche un panorama imprenditoriale caratterizzato da una maggiore resilienza e capacità di adattamento ai cambiamenti, punti essenziali in un contesto economico globale sempre più competitivo e imprevedibile.

In conclusione, il rapporto del Circular Economy Network sull’adozione dell’economia circolare tra le PMI italiane illustra un’impressionante progressione verso pratiche sostenibili che beneficiano sia il pianeta che l’economia. Un segnale che, nonostante le sfide, molte aziende stanno scegliendo di reagire non solo con responsabilità ma con innovative ambizioni, definendo un nuovo paradigma nel mondo degli affari in Italia.