156 views 3 mins 0 comments

Calo dei Mercati Europei: Una Giornata di Incertezze e Tensioni

In ECONOMIA
Luglio 02, 2024

Nel paesaggio finanziario di oggi, l’Europa si trova ad affrontare un periodo di relativa fragilità borsistica. I recenti sviluppi nei mercati azionari del continente mostrano una tendenza al ribasso che segue la scia dell’apertura negativa di Wall Street. Gli occhi degli investitori sono puntati sugli annunci che emergeranno dal Forum di Sintra in Portogallo, dove Christine Lagarde e Jerome Powell, rispettivamente presidenti della BCE e della Fed, sono i protagonisti attesi.

L’analisi di quest’oggi si apre sulle vicende di ieri, quando le elezioni francesi avevano portato a un temporaneo entusiasmo borsistico. La ritrattazione di tale ottimismo è evidente nelle prestazioni delle piazze finanziarie: Madrid registra la discesa più marcata con un calo dell’1,7%, gravata principalmente dal settore bancario e da un significativo ribasso di Santander, che perde oltre tre punti percentuali.

Segue di vicino la Borsa di Francoforte, che diminuisce di un punto e mezzo percentuale, con particolare pressione sul settore industriale e automobilistico. Anche Milano non è immune a questa tendenza, registrando una diminuzione dello 0,8%, in concomitanza con cali meno pronunciati ma comunque significativi nelle borse di Parigi, Londra e Amsterdam.

Questo scenario è interessantemente contrastato da una relativa distensione nel mercato dei titoli di stato, dove lo spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschi si posiziona a 148 punti base. In parallelo, l’euro rimane stabile, attestandosi a 1,073 contro il dollaro.

In Italia, nell’arena di Piazza Affari, è Iveco a guidare le perdite con un calo del 3,5%, seguito da Stellantis che arretra del 2,7%. Nel settore bancario, Bper lascia sul terreno due punti percentuali, mentre Banca MPS si allinea al calo generale, scendendo a 4,64 euro per azione.

Nonostante il clima di incertezza generale, alcune note positive emergono da Tim e Stm, le quali registrano aumenti rispettivamente dell’1% e del 2%, con Diasorin che si eleva addirittura di tre punti percentuali. Questi sviluppi indicano non solo la volatilità del mercato, ma anche come specifici settori possano reagire diversamente in base alle dinamiche interne ed esterne.

In conclusione, il contesto attuale rappresenta una tessitura complessa di movimenti borsistici influenzati non solo dalle condizioni economiche interne, ma da un panorama globale in cui discorsi e decisioni di rilevanza internazionale, come quelli attesi a Sintra, possono modificare radicalmente le prospettive e le reazioni del mercato. Monitorare questi sviluppi sarà essenziale per comprendere le future tendenze delle economie europee in questo periodo di instabilità globale.