48 views 2 mins 0 comments

CGIL e UIL Indicono Sciopero Generale per la Sicurezza sul Lavoro e la Riforma Fiscale

In ECONOMIA
Marzo 18, 2024

La scena sindacale italiana si appresta a vivere una giornata di mobilitazione nazionale, con CGIL e UIL che hanno ufficialmente indetto uno sciopero generale per il giorno giovedì 11 aprile. L’astensione dal lavoro, prevista per una durata di quattro ore e rivolta a tutti i settori privati compresi gli appalti e i servizi strumentali, mira a portare all’attenzione del governo e dell’opinione pubblica due tematiche di stringente attualità: la sicurezza sul posto di lavoro e l’urgente necessità di una riforma fiscale equa.

La questione della sicurezza in ambito lavorativo rimane un nodo cruciale nel dibattito pubblico, con le statistiche che tragicamente continuano a segnalare incidenti, infortuni e casi di malattie professionali. I sindacati CGIL e UIL pongono l’accento sull’importanza di politiche e interventi mirati che garantiscano maggiori standard di protezione per i lavoratori e lavoratrici, nonché l’effettiva applicazione delle normative esistenti. Tale esigenza si manifesta nella richiesta di investimenti adeguati e di un’impegno concreto da parte delle autorità competenti, con l’obiettivo di prevenire rischi e migliorare le condizioni di lavoro.

Parallelamente, lo sciopero solleva il tema di un fisco “giusto ed equo”, esprimendo una critica esplicita verso le attuali disposizioni fiscali e la necessità di una loro revisione. Le organizzazioni sindacali auspicano un’imminente modifica della delega fiscale del governo, asserendo che la riforma in essere non corrisponda alle esigenze di equità e progressività richieste dalla società. La battaglia sindacale si pone dunque l’obiettivo di promuovere una distribuzione più equilibrata del carico fiscale e di garantire che i contribuenti, in particolare quelli appartenenti alle fasce di reddito meno elevate, non siano penalizzati da un sistema che attualmente sembra favorire le disuguaglianze.

La decisione di procedere allo sciopero è, dunque, un chiaro messaggio rivolto al governo e ai decisori politici: è necessario ascoltare le voci dei lavoratori e lavoratrici che, attraverso le loro rappresentanze sindacali, chiedono modifiche sostanziali per l’affermazione di un diritto a lavorare in sicurezza e per la costruzione di un quadro fiscale più giusto che non lasci indietro nessuno. L’appello finale è rivolto a tutti i cittadini, cui si chiede di partecipare alla giornata di protesta dimostrando solidarietà e sensibilità verso queste tematiche fondamentali per il tessuto sociale ed economico del Paese.