50 views 3 mins 0 comments

Crisi nei mercati europei: forte calo delle borse e aumento dello spread

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

Nelle recenti sessioni di mercato, le principali borse europee hanno mostrato una notevole instabilità, culminata in un considerevole calo di Piazza Affari, che ha visto il suo indice principale, il Ftse Mib, retrocedere dell’1,6%. Questa contrazione si inserisce in un panorama generale di deterioramento della fiducia degli investitori, influenzata da una serie di fattori sia politici che economici.

Particolare attenzione è stata rivolta al crescente divario tra i titoli di stato italiani e tedeschi, con lo spread Btp-Bund che ha raggiunto i 150 punti. Questo incremento rappresenta un chiaro segnale di allarme riguardo la percezione del rischio legato agli asset italiani, con il rendimento del decennale che ha toccato il 4,16%, in aumento di 10 punti base rispetto alla precedente misurazione.

Non meno preoccupante è la situazione in Francia, dove lo spread tra i titoli di stato francesi e i bund tedeschi ha raggiunto i livelli più alti dal 2020, nonostante le smentite relative a possibili dimissioni del presidente Emmanuel Macron, che avrebbero potuto aggiungere ulteriore instabilità.

Al di là delle frontiere nazionali, la valuta europea ha subito un calo, scendendo a 1,0726 dollari, un decremento dello 0,35% rispetto al giorno precedente. Questa flessione potrebbe riflettere una crescente preoccupazione per la solidità dell’eurozona, amplificata dalle recenti dichiarazioni della presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, che ha escluso una riduzione lineare dei tassi d’interesse nel prossimo futuro.

Il clima di incertezza non si limita all’Europa. Anche i mercati americani mostrano segni di preoccupazione, in particolare in vista della pubblicazione dei dati sull’inflazione e delle imminenti decisioni della Federal Reserve. L’anticipazione che il presidente della Fed, Jerome Powell, possa annunciare misure severe per contrastare l’inflazione, ha aggiunto ulteriore pressione su mercati già sensibili.

L’impatto di questa incertezza collettiva si è fatto sentire in modo particolare nel settore bancario italiano, dove significative perdite hanno colpito alcune delle principali banche del paese, con Banco BPM che ha perso il 4,3%, seguita da Mps con il 4,2%, e da Bper e Unicredit, con il 3% e il 2,7% rispettivamente.

Questi movimenti di mercato riflettono non solo le tensioni politico-economiche attuali, ma sollevano anche interrogativi più ampi sulla stabilità finanziaria dell’Europa in un contesto globale caratterizzato da frequenti turbolenze economiche e politiche. Resta cruciale monitorare l’evoluzione di questi aspetti, considerando che le scelte di politica economica dei prossimi mesi saranno determinanti per ristabilire fiducia e stabilità nei mercati finanziari continentali.