75 views 3 mins 0 comments

Elezioni Comunali a Cagliari: Cinque Candidati in Lizza per il Comando della Città

In POLITICA
Maggio 11, 2024

Con l’imminente approssimarsi delle elezioni amministrative previste per l’8 e il 9 giugno, Cagliari si trova dinanzi a un quadro politico particolarmente frammentato e energico. Le candidacy alla poltrona di primo cittadino sono cinque, con un tessuto politico che si districa tra vecchie conoscenze e nuove promesse, il tutto sostenuto da ben 21 liste, anche se una di queste è attualmente in bilico.

Nel dettaglio, la scena delle elezioni comunali di Cagliari vede la presenza di veteranis essenziali dell’ambito politico locale e figure emergenti desiderose di lasciare il segno. Alessandra Zedda, ex vicepresidente di giunta regionale e rappresentante del centrodestra, entra nella contesa con un supporto vasto ma non privo di controversie. Proprio la lista “Movimento civico” a suo sostegno si trova sotto esame dall’ufficio elettorale del Tribunale di Cagliari per una presentazione fuori tempo massimo, sollevando interrogativi sulla sua ammissibilità.

D’altra parte, la corsa per il ruolo di sindaco vede il ritorno di Massimo Zedda, già primo cittadino di Cagliari, sostenuto da una coalizione ampia denominata Campo largo, che riunisce figure tanto diverse quanto concordi nel tentativo di riconquistare il Palazzo Bacaredda. Da segnalare è la partecipazione di dieci liste che appoggiano la sua candidatura, che dimostra una volontà di convergenza di forze politiche diverse sotto il suo nome, inclusi Progressisti, Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, e altre liste civiche.

Nel contesto politico attuale si inserisce anche Giuseppe Farris con il suo Movimento CiviCa 2024, mentre Emanuela Corda guida la lista Alternativa, promuovendo una visione alternativa per la città. Ancora, Claudia Ortu si posiziona sullo scacchiere elettorale con il sostegno di “Cagliari popolare – Alternativa di classe”, una coalizione che unisce il movimento Potere al Popolo e il Partito Comunista Italiano.

Il panorama delle liste disponibili si rivela un microcosmo dei più ampi scompigli politici e sociali che la città ha sperimentato negli ultimi anni. Da un lato, troviamo otto liste che hanno sostenuto la maggioranza uscente di Paolo Truzzu, con partiti come Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e diverse espressioni del regionalismo sardo, segnalando una potenziale continuità di certi percorsi politici, ma anche la ricerca di rinnovamento attraverso nuove alleanze, come quella tra Alleanza Sardegna e il rischioso Movimento civico.

Questo contesto elettorale si prospetta insidioso e denso di implicazioni tanto per la gestione futura di Cagliari quanto per la configurazione delle alleanze politiche locali e regionali. La città, crocevia di culture e pulsante centro del Mediterraneo, aspetta con trepidazione di vedere quale direzione prenderà il suo futuro amministrativo. Il teatro politico cagliaritano è pronto per un atto che può cambiare non poco le sorti della città, con la comunità che osserva attenta e partecipe.