245 views 3 mins 0 comments

Espropri legittimi dei beni balneari al termine della concessione confermati dalla Corte UE

In ECONOMIA
Luglio 11, 2024

In un recente pronunciamento, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha portato chiarezza su un dibattito lungamente sentito nel settore turistico balneare italiano, relativo alle normative di gestione delle spiagge a fine concessione. Il verdetto, emanato a seguito del ricorso proposto dalla Società Italiana Imprese Balneari contro il Comune di Rosignano Marittimo, ribadisce la validità delle norme italiane che prevedono l’acquisizione senza oneri, da parte dello Stato, delle opere non amovibili realizzate su aree concessioni balneari.

Tale scenario legalmente complesso ha radici nel delicato bilanciamento tra libertà di impresa e tutela degli interessi pubblici. La regolamentazione in questione mira infatti a salvaguardare la continuità e l’integrità del patrimonio costiero nazionale, riconoscendo la necessità di una gestione strettamente regolata delle aree demaniali.

La sentenza ha escluso che tale prassi implichi una restrizione alla libertà di stabilimento garantita dalle normative europee. Ciò significa che, al termine della concessione, le strutture fisse come stabilimenti balneari, ristoranti o bar non possono essere rivendicati dai gestori uscenti, ma diventano proprietà pubblica. Questa disposizione mira a prevenire una privatizzazione prolungata del litorale, permettendo una più ampia fruizione pubblica e una gestione orientata alla tutela ambientale e al bene comune.

L’impatto di tale decisione è significativo per i concessionari che hanno, nel corso degli anni, investito in maniera sostanziale sulle proprieta’ affittate. Non sorprende dunque che la sentenza abbia suscitato reazioni contrastanti. I proprietari e operatori del settore esprimono preoccupazioni per quello che percepiscono come uno spossessamento di capitali investiti senza garanzie di compensazione. Tuttavia, è fondamentale considerare il più ampio contesto legislativo e gli obiettivi di politica pubblica che la decisione cerca di promuovere.

Sul fronte opposto, ambientalisti e sostenitori della gestione pubblica delle spiagge applaudono al verdetto, vedendolo come un passo avanti nella prevenzione della speculazione immobiliare sui beni naturali e nella conservazione delle coste italiane per il futuro pubblico ed ecologico.

Questa decisione si inserisce in un quadro più ampio di normative e pratiche europee, le quali sono sempre più orientate verso la protezione e la gestione equilibrata delle risorse naturali e condivise. È un chiaro segnale di come, anche a livello di diritto comunitario, si stia procedendo verso un approccio che privilegia l’interesse collettivo e la sostenibilità a lungo termine.

In conclusione, la sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea rappresenta un momento definitorio per il diritto proprietario e di concessione balneare in Italia. Essa non solo stabilizza le interpretazioni legali relative alla fine delle concessioni balneari ma pone anche le basi per un dibattito più ampio su come le leggi possono equilibrare gli interessi privati con le necessità della società e della conservazione ambientale. Nel contesto dell’economia turistica, questo è un squilibrio delicato e la recente decisione contribuirà senza dubbio a plasmare le dinamiche future delle politiche costiere in Italia e oltre.