251 views 3 mins 0 comments

Expo 2025 a Osaka: Cambiamenti nei piani di Iran e Pakistan

In ECONOMIA
Giugno 26, 2024

Nel vibrante contesto internazionale delle fiere mondiali, l’Expo 2025 di Osaka si profila come un evento di portata significativa, attirando l’attenzione globale sia per le innovazioni che presenterà sia per le dinamiche geopolitiche e economiche che inevitabilmente si intrecciano in tali occasioni. Recentemente, l’agenzia di notizie Kyodo ha rivelato un interessante sviluppo riguardante la partecipazione di due importanti paesi asiatici: l’Iran e il Pakistan.

Entrambe le nazioni hanno deciso di non procedere con la costruzione di padiglioni autonomi, una scelta che segna una deviazione dalle loro iniziali ambizioni espositive. L’Iran, in particolare, ha scelto di adottare il cosiddetto tipo X di padiglione, una struttura standard offerta dagli organizzatori dell’evento. Questa decisione permetterà al paese di concentrarsi sul personalizzare gli interni del padiglione, gestendo così in maniera più diretta e forse intuitiva la presentazione della propria cultura e delle proprie tecnologie senza accolli finanziari e logistici eccessivi.

D’altra parte, il Pakistan si orienterà verso il tipo C di stand, una modalità ancora più collaborativa e condivisa, che prevede l’utilizzo di spazi espositivi aggregati con altri partecipanti. Questa opzione rappresenta un significativo risparmio di risorse e sottolinea un approccio pragmatico alla partecipazione, in un’era in cui l’ottimizzazione delle risorse è sempre più critica.

Queste scelte riflettono una strategia più ampiamente adottata tra i partecipanti di quest’anno. Infatti, stando a quanto riportato dall’Associazione giapponese per l’Expo Osaka 2025, tra i 51 paesi originariamente intenzionati a costruire padiglioni autonomi, 11 non avevano ancora affidato il lavoro a una società costruttrice fino alla scorsa settimana. Questo impasse costruttivo suggerisce che molti si trovano ad affrontare sfide significative, tanto da indurre gli organizzatori a richiedere la restituzione degli spazi non utilizzati per permettere la loro riconversione in tempo utile per l’inaugurazione.

L’intera gestione e pianificazione dell’Expo riflettono la complessità e il costo ingente dell’evento. Il budget per la realizzazione del sito espositivo a Yumeshima, un’isola artificiale nella baia di Osaka, è previsto in circa 235 miliardi di yen (circa 1,38 miliardi di euro). I fondi saranno distribuiti tra il governo centrale, la prefettura di Osaka, la città stessa e la comunità imprenditoriale locale, evidenziando un mix di investimenti pubblici e privati che sottolinea l’importanza economica e simbolica dell’evento.

L’Expo 2025, che si terrà dal 13 aprile al 13 ottobre, promette di essere un crogiolo di idee innovative e di scambi culturali. La decisione di Iran e Pakistan di adottare soluzioni logistiche meno onerose è indicativa del crescente desiderio di molte nazioni di partecipare attivamente agli scambi globali, pur gestendo saggiamente le proprie risorse. Questo approccio potrebbe non solo garantire una presenza più equilibrata e sostenibile ma anche ispirare altri partecipanti a considerare vie alternative per massimizzare l’efficacia della loro partecipazione in simili manifestazioni internazionali.