209 views 3 mins 0 comments

Francesca Donato: un viaggio attraverso l’evoluzione politica di un’europarlamentare

In POLITICA
Maggio 25, 2024

Nelle vibranti correnti della politica europea e italiana, la figura di Francesca Donato emerge con una storia di trasformazioni audaci e di transizioni significative. Imprenditrice ed europarlamentare, la sua carriera offre uno spaccato interessante sulle dinamiche politiche contemporanee. Originaria di Ancona, Donato ha scelto di trasferirsi a Palermo in seguito al suo matrimonio con Angelo Onorato, dove ha radicato la sua famiglia e ha dato avvio alla sua carriera politica.

La decisione di trasferirsi nel capoluogo siciliano si è rivelata centrale per la sua carriera. Qui, infatti, Donato ha fondato l’associazione ‘Progetto Eurexit’, ponendosi in netto contrasto con i principi dell’unione monetaria europea. L’associazione puntava a sollevare critiche puntuali sull’euro, tematizzando le conseguenze della valuta unica per le economie nazionali meno forti. In parallelo alla sua attività politica, la Donato ha presieduto assieme al marito la società ‘Casa Ambienti nella Vita’.

Il suo impegno politico ha assunto una dimensione concreta quando, sostenuta dalla Lega, si è candidata per la prima volta al Parlamento Europeo. Sebbene il suo esordio non sia stato coronato da un successo immediato, il suo secondo tentativo è stato fruttuoso: nel 2015, è stata eletta europarlamentare per la circoscrizione delle Isole, ottenendo 28.460 preferenze.

Durante il suo mandato al Parlamento Europeo, Donato si è distinta per le sue posizioni pronte a sfidare il mainstream, in particolar modo durante la pandemia di Covid-19, periodo in cui ha espresso apertamente posizioni scettiche nei confronti del green pass e della campagna vaccinale.

Nonostante il riconoscimento ricevuto, il suo percorso all’interno della Lega si è interrotto quando ha deciso di intraprendere una strada politica autonoma, fondando ‘Rinascita Repubblicana’. La sua candidatura a sindaco di Palermo si è tuttavia conclusa con un modesto 3,15% dei voti, un risultato che non le ha permesso di ottenere un seggio nel consiglio comunale.

Il suo cammino ha preso una nuova direzione quando ha stretto un’alleanza politica con Totò Cuffaro, confluendo nella Democrazia Cristiana. Qui, Donato ha assunto il ruolo di vice segretaria e, di recente, anche la commissione del partito in Sardegna. In vista delle future elezioni europee, è emerso che la Dc non presenterà candidati propri, offrendo quindi a Donato l’opportunità di proiettarsi verso nuovi orizzonti politici, incluso il possibile ingresso nella giunta di Renato Schifani.

Francesca Donato rappresenta un esempio di adattamento e cambiamento in un panorama politico in continua evoluzione. La sua storia riflette le complesse dinamiche di alleanze e ideologie, sottolineando la fluidità e la molteplicità delle carriere politiche nell’era contemporanea. Analyzing her journey offers not only insight into her personal and political evolution but also highlights the broader trends and shifts within Italian and European political spheres.