236 views 3 mins 0 comments

I Costi Ambientali del Nostro Comfort Quotidiano: la Spesa Ecologica della Carta Igienica

In ECONOMIA
Maggio 26, 2024

In Italia, ogni anno, la quotidiana necessità di igiene personale determina un costo insostenibile per l’ambiente: secondo dati forniti dalla Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima), quasi 3 milioni di alberi vengono abbattuti per produrre la carta igienica consumata nel Paese. Il fenomeno della deforestazione, alimentato anche da abitudini di consumo apparentemente innocue come l’uso della carta igienica, emerge come un problema ambientale di notevole gravità.

L’analisi di Sima rivela che il consumo medio di questo prodotto in Italia è pari a 70 rotoli a persona all’anno, corrispondenti a 6,3 kg di carta. Sebbene questo dato sia significativamente inferiore rispetto ai consumi registrati in altre nazioni come gli Stati Uniti, dove il consumo per capita raggiunge i 141 rotoli annui (12,7 kg), o la Germania e la Gran Bretagna, con rispettivamente 134 e 127 rotoli a persona, le implicazioni ambientali rimangono preoccupanti.

La produzione di carta igienica non si limita al taglio di milioni di alberi: richiede anche l’impiego di grandi quantità di acqua e energia elettrica. Alessandro Miani, presidente di Sima, evidenzia che la fabbricazione di un singolo rotolo impiega circa 680 grammi di legno. Ciò non solo contribuisce alla deforestazione, ma comporta un efficace impatto sulle risorse naturali, compreso l’uso di energia necessaria per la produzione.

Fortunatamente, il mercato offre oggi alcune valide alternative sostenibili alla tradizionale carta igienica. Una di queste è la carta igienica riciclata, che utilizza carta precedentemente prodotta e lavorata, contribuendo così a ridurre sia il disboscamento sia il consumo di risorse idriche ed energetiche. Un’altra opzione innovativa è la carta igienica realizzata in bambù, materiale che si distingue per la sua rapida crescita e la non necessità di fertilizzanti chimici o pesticidi, rendendola un’opzione ecologicamente vantaggiosa.

In aggiunta alla scelta di prodotti a minor impatto ambientale, è fondamentale che i consumatori siano consapevoli delle certificazioni quali FSC (Forest Stewardship Council) o Ecolabel. Queste garantiscono che i prodotti derivino da foreste gestite responsabilmente, assicurando il rispetto di rigidi standard ambientali. È altresì importante evitare l’acquisto di varianti di carta igienica colorate o profumate chimicamente, che di solito comportano procedure aggiuntive nella loro manifattura e di conseguenza un maggiore danno ambientale.

La crescente attenzione verso le questioni ambientali deve necessariamente tradursi in una maggiore consapevolezza sulle quotidiane scelte di consumo. Con quasi 3 milioni di alberi sacrificati ogni anno solo in Italia per soddisfare un bisogno basilare di igiene, è imperativo riflettere su come possiamo, individualmente e collettivamente, ridurre l’impronta ecologica derivante dalle nostre abitudini più routinarie e apparentemente innocue.

Attraverso l’adozione di soluzioni più sostenibili e un approccio informato e responsabile nella selezione dei prodotti, è possibile mitigare il pesante tributo che la nostra convenienza quotidiana esige alla natura. In ultima analisi, il benessere del nostro ambiente si riflette nel benessere dell’umanità, sottolineando così l’importanza di decisioni consapevoli per garantire un futuro più verde e vivibile.