222 views 3 mins 0 comments

Il Mercato del Lavoro Veneto Sfoggia Numeri Positivi nei Primi Mesi del 2024

In ECONOMIA
Maggio 14, 2024

Il Veneto, nel primo quadrimestre del 2024, ha registrato un incremento notevole di opportunità lavorative, con un saldo positivo di 44.600 posizioni. Questo dato emerge chiaramente dalla recente analisi di Veneto Lavoro, che dipinge un quadro promettente per la regione nel contesto lavorativo.

La distribuzione dei nuovi posti di lavoro non è uniforme. Si contraddistingue una prevalenza di contratti a tempo determinato, che sommano un totale di 30.800, seguiti da 12.800 a tempo indeterminato e 1.000 sotto forma di apprendistato. Questi numeri non solo riflettono la dinamicità del mercato del lavoro veneto ma segnalano anche un orientamento verso la flessibilità e la formazione professionale.

Nonostante la crescita generale, il numero totale delle assunzioni mostra una leggera flessione (-1%), eccezion fatta per il settore che coinvolge i lavoratori stranieri. Anche le cessazioni registrano una leggera diminuzione. Ad esempio, nel mese di aprile si contano 16.700 nuovi impieghi, e una marcata riduzione delle dimissioni, diminuite del 16%. Questo mese ha rafforzato la tendenza verso i contratti part-time, i quali hanno visto un incremento del 3% rispetto al 2023, rappresentando ora il 34% delle assunzioni totali, e addirittura il 49% nel caso delle donne.

Guardando in dettaglio alle province, il quadro è variegato. Tutte mostrano un saldo positivo eccetto Belluno, che, scontando la chiusura della stagione invernale, mostra un decremento di 3.000 posti. Venezia si distingue con un impressionante +19.700, mentre Vicenza e Padova, sebbene positive, mostrano segni di rallentamento rispetto all’anno precedente con rispettivamente +2.600 e +4.400 posti. Un dato stabile si osserva a Treviso e Rovigo con +3.200 e +2.400.

Nonostante questo quadro incoraggiante, Venezia e Vicenza registrano un calo nelle richieste di lavoro, rispettivamente del 4% e del 3%. Contrariamente, Belluno mostra il più significativo incremento di queste domande con un +8%.

Queste cifre sottolineano l’importanza della stagione turistica per l’economia locale e come le sue fluttuazioni possono influire significativamente sul mercato del lavoro. La diversità nella performance delle varie province evidenzia come ciascuna area abbia la propria unicità economica, influenzata dai propri settori industriali e turistici.

In conclusione, il primo quadrimestre del 2024 si rivela essere un periodo di robusta crescita per l’impiego nel Veneto, con un aumento significativo dei contratti di lavoro, soprattutto part-time e a tempo determinato. Questo fenomeno riflette una maggiore elasticità nel mercato del lavoro che, pur presentando sfide come quelle vissute da Belluno, mostra una resilienza notevole e una capacità di adattamento alle mutevoli esigenze economiche globali e locali. Con una tale tendenza, il Veneto si configura come un esempio di come le politiche regionali e la diversificazione economica possano efficacemente contribuire alla crescita e stabilità dell’occupazione.