90 views 3 mins 0 comments

Impennata a Piazza Affari: Le Banche e Tim Guidano il Rialzo

In ECONOMIA
Giugno 03, 2024

In una giornata in cui i riflettori europei si focalizzano sulle principali piazze finanziarie, la Borsa di Milano si distingue registrando una crescita dello 0,6%, in perfetta sintonia con gli altri mercati del continente. È una sessione di trading caratterizzata da solidi guadagni in diversi settori, con particolare evidenza sulle performance delle banche e della società telecomunicazione Tim, che emerge come uno dei protagonisti principali con un balzo del 3,7%.

La ripresa di TIM si manifesta dopo alcuni giorni di underperformance e sembra essere spinta dalle recenti dichiarazioni del suo CEO, Pietro Labriola. Questi ha sottolineato l’importante posizione che l’azienda detiene nel processo di consolidamento del settore delle telecomunicazioni, prospettando scenari futuri che hanno evidentemente rassicurato gli investitori.

Un altro indicatore positivo per l’economia italiana è rappresentato dallo spread BTP-Bund, che mostra un deciso miglioramento scendendo a 129 punti base. Concurrentemente, il rendimento del decennale italiano si attesta al 3,92%, un livello che denota una crescente fiducia nella stabilità finanziaria del Paese.

Nel dettaglio, il settore finanziario mostra un’energia rinnovata con movimenti significativi in positive. Unicredit cresce dell’1,8%, seguendo una tendenza rialzista visibile anche in altri nomi importanti come Bper, che avanza dell’1,6%, e Intesa, che cresce dell’1,1%. Anche Banco Bpm e Banca MPS mostrano rispettivamente miglioramenti dello 0,5% e dello 0,4%, nonostante un esordio giornaliero incerto per quest’ultima.

Per quanto riguarda il settore industriale, Leonardo segna un notevole +2,9%, mentre STMicroelectronics si apprezza del 2%. Altri riscontri positivi provengono da Nexi e Poste Italiane, entrambe in crescita dell’1,9%. La giornata beneficia inoltre di un generale apprezzamento per il settore energetico, influenzato positivamente dalle decisioni recenti dell’OPEC+. Eni, per esempio, registra una crescita dello 0,9%, seguita da Tenaris e Saipem.

I servizi pubblici e le utility non sono da meno, con l’incremento dei prezzi del gas – dovuti a interruzioni in Norvegia – che favorisce aziende come A2a, Enel e Hera, tutte in salita di circa lo 0,6%.

Non tutte le stelle brillano ugualmente nel firmamento di Piazza Affari; Amplifon e Prysmian subiscono infatti cali del 2,3% e dell’1,1% rispettivamente. Analogamente, Fineco e Erg registrano contrazioni dello 0,8%.

In conclusione, la sessione odierna a Piazza Affari si rivela positiva per la maggior parte dei settori, segnalando non solo la robustezza delle componenti più tradizionali dell’economia italiana, ma anche un’attitudine al riscatto evidenziata da realtà come TIM. Queste dinamiche confermano l’importanza strategica di decisioni aziendali lungimiranti e di politiche economiche stabili per garantire una crescita equilibrata e sostenibile delle attività finanziarie e produttive del Paese.