108 views 3 mins 0 comments

Italgas Si Avvicina a 2i Rete Gas con il Favore di Cdp Reti

In ECONOMIA
Maggio 16, 2024

In una mossa che potrebbe riscrivere gli equilibri del settore delle infrastrutture energetiche italiane, Cdp Reti ha espresso sostegno all’offerta presentata da Italgas per l’acquisizione di 2i Rete Gas. Questa operazione, annunciata il 13 maggio, vedrebbe uno dei principali player nazionali nel settore del gas, Italgas, estendere ulteriormente il suo raggio d’azione, marcando un passo decisivo verso la creazione di un gigante europeo delle infrastrutture gasistiche.

Italgas, che vanta già una posizione di preminenza nel panorama energetico italiano, con questa mossa potrebbe non solo consolidare ulteriormente il suo dominio in Italia, ma anche accelerare il suo percorso verso la sostenibilità energetica e il traguardo del net zero. Paolo Gallo, amministratore delegato di Italgas, ha recentemente dichiarato che tale integrazione potrebbe trasformare Italgas in un “campione europeo”, capace di generare maggiore efficienza e qualità del servizio, nonché di accelerare la transizione energetica verso sistemi completamente sostenibili.

L’interesse di Cdp Reti, che detiene una quota del 26% in Italgas, è un segnale significativo del riconoscimento della valenza strategica che l’operazione potrebbe avere. In una lettera indirizzata a Italgas, Cdp Reti ha manifestato l’intenzione di supportare l’operazione, sottolineando come essa sia allineata ai propri obiettivi strategici nel settore delle infrastrutture e dell’energia. Il supporto di Cdp Reti non è però incondizionato; sarà essenziale un’analisi approfondita delle dinamiche di mercato e degli impatti che l’acquisizione potrebbe avere, non solo a livello competitivo, ma anche in termini di impatti sull’ambiente e sulla società.

La dichiarata disponibilità di Cdp Reti ad esaminare modalità di supporto contingenti alle necessarie approvazioni dei propri organi sociali rappresenta un ulteriore passo avanti verso l’integrazione tra Italgas e 2i Rete Gas. L’esito di questa fusione potrebbe segnare un momento storico per il settore energetico italiano, contribuendo a un migliore allineamento con gli obiettivi europei di efficienza energetica e riduzione delle emissioni di carbonio.

L’acquisizione proposta è anche un rispecchiamento delle tendenze più ampie nel settore energetico globali, dove i grandi operatori stanno cercando di rafforzare le proprie posizioni attraverso l’espansione e la diversificazione. Nel contesto europeo, la mossa di Italgas si inserisce in una più ampia narrativa di consolidamento del settore, mirata a incrementare la competitività a livello internazionale e a garantire la sicurezza energetica regionale in un periodo di significative turbolenze geopolitiche e sfide ambientali.

Questo processo di consolidamento potrebbe, quindi, rappresentare una doppia vittoria per Italgas e per il settore energetico italiano nel suo complesso, promuovendo non solo un’efficienza operativa ma anche un impegno ambientale più marcato. Resta da vedere come si evolveranno le negoziazioni e quali saranno le reazioni del mercato e delle autorità regolatorie, ma una cosa è certa: il cammino verso una maggiore integrazione e sostenibilità nel settore energetico italiano ha ricevuto un importante impulso.