191 views 3 mins 0 comments

L’Economia Cinese Si Allontana dalla Deflazione: I Nuovi Dati di Maggio

In ECONOMIA
Giugno 12, 2024

Nell’ultimo resoconto dell’Ufficio nazionale di statistica della Cina, emerge un’evoluzione favorevole quanto a deflazione che sembra, almeno per il momento, allontanata. A maggio, i prezzi al consumo hanno evidenziato un incremento annuo dello 0,3%, valore identico a quello di aprile e leggermente inferiore alle previsioni degli analisti, che si aspettavano un incremento dello 0,4%. Questa leggera ma stabile crescita riflette una ripresa della domanda interna, elemento essenziale per una rinascita economica sostenuta.

Nonostante questo dato incoraggiante, su base mensile si registra un decremento di prezzi dello 0,10%, battuta d’arresto rispetto al lieve aumento (+0,10%) registrato ad aprile. Di fronte a questa variazione modesta, appare chiaro che la strada verso una completa ripresa economico-finanziaria è ancora disseminata di incertezze e variabilità.

La situazione dei prezzi alla produzione fornisce ulteriori spunti di riflessione. La contrazione registrata a maggio è del 1,4%, indice più favorevole rispetto agli attesi -1,5% e decisamente migliorato rispetto al -2,5% di aprile. Questa dato segna il ventesimo mese consecutivo di calo, tuttavia, è il calo più contenuto da febbraio 2023, segnale di una graduale modulazione delle pressioni deflattive.

In aggiunta, per la prima volta in sei mesi, si registra un incremento sui prezzi su base mensile (+0,2%), contrapposto al decremento (-0,2%) del mese di aprile. Questo miglioramento, seppur marginale, potrebbe preannunciare un cambio di tendenza nella produzione industriale, spinta anche da una reinvigorita domanda interna e, forse, dalle politiche di stimolo economico implementate recentemente dal governo cinese.

La ripresa della seconda economia mondiale è di vitale importanza non solo per il suo stesso benessere, ma anche per l’economia globale, vista l’interdipendenza crescente tra i mercati nazionali. Un rafforzamento della domanda interna cinese può avere effetti moltiplicativi su molteplici settori, influenzando positivamente anche le economie dei paesi esportatori verso la Cina.

Il contesto attuale richiede un’analisi attenta e continua, poiché variabili inaspettate possono sempre alterare il corso degli eventi economici. Resta essenziale mantenere un monitoraggio costante sull’evolversi delle dinamiche interne e globali che potrebbero impattare la stabilità raggiunta.

In conclusione, quest’ultimo aggiornamento rilasciato dall’Ufficio nazionale di statistica non solo fornisce una panoramica aggiornata, ma lancia anche un messaggio di cautelato ottimismo. La Cina si muove con passi misurati verso una stabilizzazione economica che si spera essere, nel medio-lungo termine, sia solida che espansiva. Bisognerà vedere come queste tendenze si svilupperanno nei prossimi mesi e quale impatto avranno sulle politiche interne ed internazionali della giant asiatica.