189 views 3 mins 0 comments

Meloni “in copertina” sul Wall Street Journal: lo scatto che diventa simbolo politico

In POLITICA
Marzo 21, 2024

La politica italiana fa spesso notizia oltre i confini nazionali, ma questa volta è una singolare fotografia a catturare l’attenzione della stampa internazionale. La protagonista è la premier Giorgia Meloni, la cui immagine mentre si copre la testa con una giacca durante un’animata seduta parlamentare è stata scelta per la prima pagina del prestigioso quotidiano americano “The Wall Street Journal”.

L’episodio scattato dai fotografi avviene in un contesto di alta tensione nella camera dei deputati italiana. Il leader dei Verdi, Angelo Bonelli, durante il suo intervento, ha esortato la premier a non guardarlo con “quelli occhi inquietanti”, una frase che sembra aver suscitato varie reazioni nella sala. In risposta, Meloni ha deciso di assumere un atteggiamento dissacrante e autoironico, coprendosi il volto con la sua giacca in segno di scherzosa contrizione.

Le reazioni all’atto della premier non si sono fatte attendere. Diversi esponenti dell’opposizione hanno manifestato la loro perplessità verso l’insolito gesto, considerato da alcuni inappropriato per il contesto istituzionale in cui è avvenuto. Intanto, il curioso episodio è divenuto un argomento dibattuto sui social media, dove la stessa Meloni ha voluto dire la sua.

In un post apparso sulle sue pagine ufficiali, la premier ha ironizzato sull’accaduto, affermando di aver voluto rispondere in modo goliardico alle parole del collega Bonelli. Nel medesimo messaggio, Meloni ha esteso le sue scuse non solo al leader dei Verdi, ma anche a chiunque altro potesse sentirsi turbato dalla sua espressione. Questo gesto sembra rientrare in una strategia comunicativa che non teme il confronto diretto e l’uso di toni meno convenzionali nella vita politica.

La foto sul Wall Street Journal non è solamente un simpatico aneddoto sui banchi della politica italiana, ma diventa un simbolo di come la politica stessa venga percepita e rappresentata nell’era dei social media e della comunicazione globale. A conferma di ciò sta la scelta di un quotidiano di fama mondiale di dedicare spazio a un evento politico nazionale, riflettendo sia sull’impatto visivo dell’immagine che sul significato più profondo delle dinamiche politiche attuali. Nel panorama internazionale, leader e politici sono sempre più consapevoli del potere dell’immagine e dell’impatto mediatico delle loro azioni, che possono trasformarsi in strumenti di potere e influenza molto oltre il contesto in cui vengono eseguite.