63 views 3 mins 0 comments

Nuova Vita per un Bene Confiscato a Reggio Calabria: Diverrà Edilizia Popolare

In POLITICA
Gennaio 16, 2024
Il progetto di rigenerazione urbana mira a rispondere all'emergenza abitativa e a restituire alla comunità un palazzo simbolo di degrado.

Un nuovo capitolo si apre per la città di Reggio Calabria, dove la lotta alla criminalità organizzata e la risposta ai bisogni della comunità locale si fondono in un progetto di rinnovamento urbano e sociale. È stato infatti consegnato il cantiere per la ristrutturazione di un importante bene confiscato, che si trasformerà in un complesso di alloggi popolari, destinati a rafforzare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica della città.

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, insieme al suo gabinetto e ai rappresentanti dell’impresa di costruzioni incaricata, ha dato il via ai lavori di ristrutturazione di un enorme palazzo incompiuto nel quartiere di Spirito Santo; per anni questo edificio è stato un simbolo di abbandono e illegalità ma ora rappresenta una promessa di rinnovamento.

“I lavori per la realizzazione di venti alloggi popolari sono cruciali per affrontare l’emergenza abitativa a Reggio Calabria”, ha dichiarato Falcomatà. Con un finanziamento di circa due milioni e mezzo di euro, proveniente dal Pon Legalità dello Stato, si spera di porre fine al ciclo negativo in cui beni frutto di attività criminali vengono lasciati in rovina, trasformandoli invece in risorse per la comunità.

Il cronoprogramma prevede che i lavori dureranno all’incirca 24 mesi. Al termine, il palazzo offrirà una nuova opportunità abitativa a chi, per troppo tempo, ha dovuto attendere un alloggio dignitoso.

Il primo cittadino ha evidenziato la portata trasformativa di tali progetti per la città. “Trasformare il degrado in bellezza e tutelare i diritti, offrendo un’opportunità a chi è rimasto indietro, è ciò che deve animare la politica,” ha affermato Falcomatà, sottolineando che, nonostante alcune difficoltà affrontate in passato, l’amministrazione non si ferma di fronte agli ostacoli.

Quest’opera di ristrutturazione non solo migliorerà la vita di molte persone in cerca di una casa ma simboleggia anche la resilienza di una comunità che riprende possesso dei beni che le sono stati sottratti dalla criminalità. La speranza che alberga nel progetto va oltre la mera costruzione di mura; è la riaffermazione che il bene comune e la legalità possono e devono prevalere.

In un’epoca in cui il tessuto urbano e sociale di tante città è messo alla prova, iniziative come questa a Reggio Calabria diventano esempi di come l’impegno civico e la determinazione possano portare alla rigenerazione delle nostre comunità, un mattone alla volta.