45 views 2 mins 0 comments

Premier Meloni interroga la fiducia nei negoziati con la Russia

In POLITICA
Marzo 19, 2024

Durante un’importante comunicazione al Senato in previsione del Consiglio europeo, la Premier italiana Giorgia Meloni ha messo in discussione la possibilità e l’affidabilità di sedersi al tavolo delle trattative con la Federazione Russa. Le sue osservazioni giungono in un momento alto di tensione internazionale, dove la crisi in Ucraina continua a essere una preoccupazione prevalente per la comunità internazionale. Meloni ha puntualizzato che il dialogo con una nazione che ha storicamente infranto ripetutamente gli accordi appare un’azione problematica, riferendosi a specifiche violazioni poste in atto dalla Russia nei confronti dell’Ucraina.

Spostando l’attenzione sulla relazione bilaterale tra Italia e Ucraina, la Premier ha ribadito che l’impegno del suo governo non si limita alla fornitura di armi, ma si estende verso una cooperazione sostanziale in tutti i settori, in linea con il percorso dell’Ucraina verso l’inclusione nell’Unione Europea. Questo passaggio è stato interpretato come un segnale di un sostegno più profondo e structurato rivolto a Kiev in tempi di crisi.

Meloni ha inoltre salutato favorevolmente l’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, riconoscendo l’importanza dell’allargamento dell’alleanza atlantica per far fronte all’aggressività manifestata dalla Russia. Ha espresso la propria condanna verso atteggiamenti ostili di Mosca nei confronti degli stati membri dell’Alleanza, con particolare riferimento ai Paesi Baltici, sottolineando l’importanza della solidarietà tra gli alleati.

Infine, un tributo è stato reso alla memoria di figure politiche e attivisti russi per la democrazia. La Meloni ha commemorato la figura di Alexei Navalny, attivista e oppositore del governo di Putin, considerato un simbolo di sacrificio per la libertà. Questa menzione si inserisce in un contesto più ampio di condanna delle azioni del Cremlino, nonché di supporto ai valori democratici e alla resistenza contro forme di repressione politica.

Con queste dichiarazioni, il governo italiano dimostra di adottare una linea ferma nei confronti della Russia e al contempo riconferma il proprio impegno verso la sovranità e l’integrità dell’Ucraina. L’approccio dell’Italia, in linea con quello degli altri Paesi europei, suggerisce un fronte unito nel contrastare le minacce russe e nel promuovere la pace e la sicurezza in Europa.