263 views 3 mins 0 comments

Revisione del Concordato Preventivo: Novità e Implicazioni Future

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

In una recente rivisitazione delle politiche fiscali, il Governo ha introdotto una serie di modifiche al concordato preventivo, una procedura legale che permette alle imprese in difficoltà di rinegoziare i debiti sotto la supervisione di un tribunale. A seguito dell’approvazione di febbraio, si anticipano cambiamenti che influenzeranno non solo le tempistiche ma anche i metodi di calcolo per l’imposizione fiscale delle aziende italiane.

Prevista inizialmente per il 15 ottobre, la scadenza per l’adesione alla proposta redatta dall’Agenzia delle Entrate è stata estesa fino al 31 ottobre per il corrente anno. Tale estensione si configura come una manovra volta a concedere maggiore respiro alle aziende nell’applicazione delle nuove disposizioni. D’altronde, per i futuri esercizi, la data limite sarà anticipata al 31 luglio, periodo che coincide con l’ultimo giorno del settimo mese successivo alla chiusura dell’esercizio fiscale, a meno che tale periodo non coincida con l’anno solare.

Le implicazioni di questa riforma vanno oltre la semplice estensione delle scadenze. L’Agenzia delle Entrate sarà chiamata a rilasciare i software necessari per la raccolta e l’elaborazione dei dati utili alla proposizione del concordato entro il 15 aprile, a partire dal prossimo anno. Per il 2024, la data è stata temporaneamente posticipata al 15 giugno, estendendosi fino al 15 luglio per i contribuenti che già nel 2023 aderivano al regime forfetario, esclusi, invece, quelli che sono entrati in questa categoria nel corrente anno.

Parallelamente, si assiste a una revisione degli acconti di novembre. Per quanto riguarda l’Irpef sostitutiva, si prevede un incremento del 15% della differenza, qualora positiva, tra il reddito concordato e quello effettivamente dichiarato nell’anno precedente relativamente all’attività d’impresa o lavoro autonomo. Per l’Irap, invece, la maggiorazione sarà del 3%.

Un ulteriore aspetto di rilievo riguarda le conseguenze della decadenza dal concordato. In tali circostanze, le imposte e i contributi saranno calcolati basandosi sui redditi e valori di produzione netta concordati, a condizione che questi ultimi siano superiori a quelli reali. La manovra mira dunque a stabilire un equilibrio tra le esigenze fiscali dello Stato e la necessità di fornire un sollievo alle aziende in crisi, evitando contemporaneamente situazioni di vantaggio indebito.

Questa riforma del concordato preventivo apparire come un passo significativo verso un sistema fiscale più flessibile e adattivo. Tuttavia, la sua efficacia reale sarà misurabile solo nel medio e lungo termine, a seconda di come le aziende italiane risponderanno a queste nuove disposizioni e agli incentivi proposti.

In conclusione, con un occhio critico ma speranzoso, si osserva che il governo sta tentando di innestare agilità nel sistema tributario per supportare le imprese in un periodo economicamente complesso, salvaguardando al contempo gli interessi fiscali nazionali. Sarà indispensabile monitorare attentamente l’impatto di queste modifiche sulla salute economica delle imprese e sull’efficienza della riscossione tributaria nel nostro paese.