44 views 3 mins 0 comments

Rinvio dell’Esame del Ddl sul Fine Vita in Senato

In POLITICA
Marzo 26, 2024

Una seduta cruciale per l’avanzamento dei disegni di legge riguardanti il fine vita è stata inaspettatamente sospesa al Senato a causa dell’assenza dei rappresentanti del governo. Il mancato incardinamento dei disegni di legge ha destato sorpresa e preoccupazione tra i senatori delle Commissioni giustizia e Affari sociali, le quali avrebbero dovuto ascoltare oggi la semplice illustrazione dei testi.

Il ritardo nel dibattito parlamentare su un tema di vitale importanza per il Paese è stato prontamente commentato dai senatori del Partito Democratico, con Alfredo Bazoli e Sandra Zampa, capogruppi nelle commissioni Giustizia e Affari sociali rispettivamente, che hanno espresso il desiderio che il rinvio sia solo di breve termine. Un ulteriore ritardo, a loro dire, non sarebbe accettabile, data l’urgenza della materia in discussione e il già notevole ritardo accumulato dal parlamento.

L’assenza del governo è stata altresì stigmatizzata da Peppe De Cristofaro, capogruppo dell’Alleanza Verdi e Sinistra e presidente del gruppo Misto di Palazzo Madama, che ha evidenziato come tale mancanza possa mettere a rischio il dibattito su una legge ritenuta più che mai necessaria per la società italiana.

Il tema del fine vita è storicamente uno degli argomenti più sensibili e divisivi all’interno del panorama politico e sociale del paese. La necessità di regolamentare e fornire un quadro giuridico chiaro è stata avvertita con urgenza crescente negli ultimi anni, con il dibattito pubblico che ha visto attori sociali, istituzioni e singoli cittadini confrontarsi su vari aspetti di questo importante tema etico e medico.

Il rinvio, quindi, non solo incide sui tempi del dibattito legislativo, ma anche sulle aspettative di tutti coloro che attendono chiarimenti legali, sia per motivazioni personali sia per ragioni professionali. Il legislatore si trova di fronte alla sfida di affrontare la questione con il dovuto rigore e sensibilità, promuovendo un dialogo costruttivo e inclusivo.

La politica, oggi più che mai, è invitata a non sottrarsi dal suo compito e a garantire che il dibattito riprenda quanto prima per fornire al Paese le risposte di cui ha bisogno. La speranza è che la sospensione di oggi non segni una deviazione dal percorso di ascolto e di responsabilità che un argomento del genere richiede, ma piuttosto costituisca un breve ostacolo lungo un cammino ineludibile verso la definizione di una normativa attesa e necessaria.