222 views 3 mins 0 comments

Rivoluzione Immobiliare Statale: Iniezione di 4,7 Miliardi di Euro entro il 2026

In ECONOMIA
Luglio 09, 2024

L’Agenzia del Demanio ha delineato un piano ambizioso per la valorizzazione e rifunzionalizzazione degli immobili di proprietà statale, con un impegno finanziario che si attesta sui 4,7 miliardi di euro fino al 2026. Questa mossa strategica è stata annunciata nel corso della presentazione del Rapporto 2024 “L’Italia e i suoi beni”, un evento che ha trovato la sua cornice nelle storiche mura di Palazzo Montecitorio.

Il piano di investimenti rappresenta una fase cruciale per la gestione e l’ottimizzazione dei beni immobiliari statali, che ammontano a circa 44.000 unità e rappresentano un valore complessivo stimato in 62,8 miliardi di euro. Il 2021 ha già visto l’allocazione di circa 2,5 miliardi di euro in tale direzione, mentre il triennio 2024-2026 prevede ulteriori iniezioni di capitale per oltre un miliardo di euro, di cui 490 milioni previsti per l’anno corrente. A questi si aggiungeranno poi 1,2 miliardi derivanti da fondi gestiti da altre amministrazioni.

Questo imponente dispiegamento di risorse non soltanto mira alla ristrutturazione e al recupero di edifici e siti spesso in stato di abbandono o sotto-utilizzati, ma si pone anche l’obiettivo di trasformarli in lembi vitali per l’economia e la società. Immobili che finora hanno avuto un ruolo marginale potrebbero trasformarsi in centri di cultura, istruzione, innovazione, e più genericamente, diventare spazi di pubblica utilità che rispondano alle esigenze delle comunità locali.

Il piano di rifunzionalizzazione si inserisce in un contesto più ampio di politiche pubbliche orientate alla sostenibilità e alla riqualificazione urbana. Con una prospettiva che intreccia il rispetto per il patrimonio storico-culturale e la necessità di adeguamento alle moderne esigenze di efficienza energetica e funzionalità, l’Agenzia del Demanio si configura come un attore protagonista nel panorama della gestione asset pubblici.

L’analisi dettagliata del rapporto evidenzia come ogni singolo euro investito in questo progetto di rilancio immobiliare non sia soltanto un costo, ma un vero e proprio investimento nel futuro. Le stime suggeriscono che la rifunzionalizzazione di immobili statali non solo aumenterà il loro valore di mercato, ma genererà anche ricavi superiori attraverso l’attivazione di nuove funzioni e l’attrazione di attività commerciali e culturali che potranno sostenersi autonomamente.

In conclusione, con questo considerevole flusso di investimenti, l’Agenzia del Demanio non solo prende in carico la conservazione del vasto e variegato patrimonio immobiliare dello Stato, ma se ne fa garante attiva nel promuovere un’evoluzione sostenibile e inclusiva. Attraverso questi interventi, si prospetta una visione rinnovata per i beni immobiliari pubblici, inferendo un nuovo impulso al miglioramento della qualità della vita nei centri urbani e consegnando alle future generazioni asset pubblici più resilienti e adattivi.