182 views 3 mins 0 comments

Significativo Calo delle Rapine in Banca nel 2023

In ECONOMIA
Maggio 14, 2024

Nel corso del 2023, l’Italia ha registrato un notevole ridimensionamento nel numero delle rapine in banca, confermando una tendenza al ribasso che persiste da anni. Secondo i recenti rilevamenti dell’Osservatorio Ossif, appartenente all’Associazione Bancaria Italiana (ABI), il numero di episodi criminosi è sceso del 35,5%, diminuendo da 124 a 80 episodi rispetto all’anno precedente. Questo calo non è un fenomeno isolato, ma si inserisce in un contesto di decrescita continuativa che ha visto le rapine diminuire del 93,6% nell’ultimo decennio, passando da 1.246 casi nel 2013 a soli 80 nel 2023.

Tale miglioramento è il risultato di un intenso e fruttuoso lavoro di collaborazione tra le istituzioni bancarie e le forze dell’ordine, che hanno potenziato le strategie di prevenzione e risposta. Le banche, da parte loro, non hanno esitato a investire significativamente nella sicurezza: si stima che l’investimento annuo per la protezione delle filiali bancarie si aggiri intorno ai 500 milioni di euro. Queste risorse sono state impiegate per l’implementazione di tecnologie avanzate, miglioramento delle infrastrutture fisiche e formazione del personale, facendo delle banche luoghi sempre meno permeabili agli attacchi criminali.

Il fenomeno ha mostrato un andamento decrescente in quasi tutte le regioni italiane, con quattro di esse – Marche, Molise, Sardegna e Trentino-Alto Adige – che hanno addirittura azzerato gli episodi di rapina nel 2023. Tuttavia, è interessante notare come alcune regioni abbiano registrato piccoli incrementi: Basilicata, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Umbria e Valle d’Aosta hanno visto un lieve aumento delle rapine, sebbene i numeri rimangano complessivamente bassi.

Esaminando i dati più da vicino, regioni come Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana e Veneto hanno evidenziato riduzioni significative del numero di rapine, oscillando tra il 22,2% e l’83,3%. Questi numeri non solo riflettono l’efficacia degli sforzi congiunti tra banche e forze dell’ordine, ma anche un cambiamento nel comportamento dei criminali, che potrebbero essere stati dissuasi dalle nuove misure di sicurezza o orientati verso altri tipi di crimini meno rischiosi e più redditizi.

La diminuzione delle rapine in banca è un indicatore positivo non solo per la sicurezza delle filiali, ma anche per quella dei cittadini e del personale che quotidianamente si trovano nelle banche. Questo trend favorevole contribuisce a creare un ambiente più sicuro e stabile, essenziale per la fiducia nel sistema bancario e finanziario del paese.

Nonostante i successi ottenuti, è fondamentale continuare a investire in sicurezza e a mantenere alta la vigilanza, adattando le strategie di prevenzione alle continue evoluzioni del panorama criminale. La collaborazione tra diversi attori, l’adozione di tecnologie all’avanguardia e una solidale responsività sociale rimangono gli strumenti più efficaci per garantire che la tendenza al ribasso delle rapine in banca possa continuare nel futuro.