263 views 2 mins 0 comments

Summonte, pubblica su un sito online l’annuncio per la vendita di Mobilio, ma viene truffata.

In AVELLINO, CRONACA
Maggio 13, 2024
55enne denunciato dai carabinieri.

I Carabinieri della Stazione di Ospedaletto d’Alpinolo hanno denunciato un 55enne della provincia di Macerata, per truffa. Nella circostanza, una donna di Summonte, in provincia di Avellino,  decisa a vendere alcuni mobili usati, pubblicava un annuncio su un noto sito on-line.  Veniva quindi contattato da un soggetto che, fingendosi interessato all’acquisto, con artifizi e raggiri riusciva a farsi accreditare dalla malcapitata 550 euro su una carta prepagata. Attraverso una serie di accertamenti i Carabinieri sono riusciti ad identificare il presunto truffatore il quale, alla luce delle evidenze emerse, è stato deferito in stato di libertà alla competente Autorità giudiziaria. Mettere dei prodotti in vendita su internet ma alla fine trovarsi a pagare il compratore: questa è una  tipologia di truffa per la quale il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino ha deciso di lanciare l’avviso dopo alcune segnalazioni da parte di cittadini che, nell’intento di vendere dei beni, sono rimasti vittime di truffatori che si erano finti interessati all’acquisto.  I truffatori, su vari portali, notano della merce in vendita. Quindi contattano il venditore. Si dicono  interessati all’acquisto e riferiscono allo stesso di rimuovere l’annuncio e, a testimonianza della  serietà dell’operazione, di lì a poco, pagherebbero al venditore un acconto. Per procedere all’accredito, i truffatori invitano il venditore a recarsi presso uno sportello bancomat, inserire la propria carta e a seguire alcune indicazioni telefoniche fornite contestualmente dai truffatori stessi.  Al termine di tali operazioni in realtà si verifica esattamente l’opposto, ovvero è il venditore che trasferisce il proprio denaro al truffatore. Si raccomanda, in ogni tipo di compravendita online, di prestare sempre la massima attenzione e di  rivolgersi per casi sospetti alle forze di polizia.

di Marco Iandolo