73 views 3 mins 0 comments

Svolta a Cagliari: Movimento Civico Escluso dalle Elezioni Comunali

In POLITICA
Maggio 13, 2024

In una svolta inaspettata nel panorama politico di Cagliari, il Movimento Civico, che sosteneva la candidatura a sindaco di Alessandra Zedda, è stato escluso dalla competizione elettorale per le imminenti elezioni comunali dell’8 e 9 giugno. L’esclusione, formalizzata dall’ufficio centrale elettorale del Comune, è stata dovuta a un numero insufficiente di firme raccolte per la validazione della lista, nonostante il tentativo di presentare la documentazione con un ritardo di soli sei minuti rispetto alla scadenza imposta.

Il portavoce del movimento, Simone Paini, ha immediatamente contestato la decisione, paventando la possibilità di un ricorso al Tar e preannunciando una conferenza stampa per delineare dettagliatamente la posizione del movimento di fronte a questa inaspettata esclusione. La conferenza si terrà presso la sede elettorale di Alessandra Zedda, con l’obiettivo di chiarire le circostanze e le motivazioni che hanno portato a questa misura.

L’affollata agenda politica della città vedrà dunque la partecipazione di 20 liste, un numero notevole ma inferiore alle attese iniziali. A guidare la schiera dei candidati è Emanuela Corda con la sua lista “Alternativa”, seguita da un ampio assortimento di gruppi che supportano Massimo Zedda: da “Psi-Sardi in Europa” a “Cagliari Avanti”, passando per il M5S e il PD, fino a formazioni di spicco come “Progressisti” e “Cagliari che vorrei”.

Il centrodestra, pur senza il Movimento Civico, rimane robusto con sette liste di spicco, tra cui “Psd’Az”, “Sardegna al Centro 2020”, e “Fdi”, sottolineando l’influenza consolidata di partiti storici e nuovi aggregati nel tessuto elettorale locale. Alla contesa partecipano anche Claudia Ortu con “Cagliari Popolare” e Giuseppe Farris con “CiviCa 2024”, arricchendo il panorama con proposte diverse e spesso contrastanti.

Questo intricato mosaico politico riflette la vibrante dinamica cittadina, una competizione vibrante che coglie l’essenza della politica locale, combattuta pallottola dopo pallottola in una dinamica di alleanze e rivalità. L’ordine di presentazione delle liste e dei simboli sulla scheda elettorale, già determinato, presagisce una giornata di voto animata da un coinvolgimento popolare che si preannuncia altissimo.

Nel frattempo, continueremo a monitorare gli sviluppi e le reazioni all’esclusione del Movimento Civico e all’impatto che questa decisione potrebbe avere sull’equilibrio delle forze in campo. La conferenza stampa di domani si preannuncia come un momento cruciale: possiamo aspettarci dati concisi e posizioni decise, un tentativo del movimento di ricostruire quel collegamento essenziale con i propri sostenitori, ormai turbati da questa esclusione inattesa.