64 views 3 mins 0 comments

Unanime Approvazione alla Legge sul Cyberbullismo dalla Camera

In POLITICA
Maggio 15, 2024

In un esempio eloquente di unità politica, la Camera dei Deputati ha recentemente sancito l’approvazione definitiva di una significativa proposta di legge che mira a combattere il fenomeno sempre più dilagante del bullismo e del cyberbullismo. Questa misura è stata ratificata all’unanimità e incarna uno sforzo bipartisan per affrontare con rigore un problema che affligge incessantemente la sicurezza e il benessere psicologico dei giovani.

Il testo legislativo, rafforzato e arricchito da importanti adeguamenti durante la sua discussione al Senato, esce dalla fase parlamentare con una serie di definizioni e direttive chiare. La legge non solo fornisce una definizione dettagliata di ‘bullismo’, identificandolo come un’azione di aggressione o molestia fisica o psicologica, reiterata e perpetrata da un singolo individuo o da un gruppo nei confronti di uno o più minori; ma eleva anche il quadro di intervento scolastico necessario per prevenire e contrastare tali atti.

Particolarmente innovativo è il mandato di adozione, da parte di ogni istituzione scolastica, di un codice di prevenzione del bullismo, accompagnato da un servizio psicologico di supporto che si prospetta come un baluardo nella tutela dei giovani. L’accresciuta attenzione alla salute mentale degli studenti è una pietra angolare di questa legislazione, segnando un progresso significativo nella lotta contro il bullismo in ambiente scolastico.

Il percorso legislativo include anche disposizioni per percorsi rieducativi rivolti ai responsabili di atti di bullismo, delineando una strategia non solo punitiva ma anche correttiva e formativa. Questo accessorio alla legge mira a reintegrare gli autori di bullismo nella comunità scolastica e sociale, educandoli riguardo l’importanza del rispetto reciproco e delle dinamiche relazionali sane.

Un altro simbolo potente di questa legge è l’istituzione del 20 gennaio, giorno della nascita di Willy Monteiro, come la ‘Giornata del Rispetto’. Questa designazione non solo serve a memoria e tributo di Willy, una vittima tragica del bullismo violento, ma ribadisce anche l’impegno collettivo nel promuovere la cultura del rispetto e della tolleranza.

La reazione a questa normativa è stata ampiamente positiva, con attori sociali e istituzioni educative che manifestano approvazione e sostegno. Educatori e psicologi enfatizzano l’importanza di interventi legislativi come strumenti per trasformare l’ambiente scolastico in uno spazio sicuro e accogliente per tutti gli studenti.

Questa legge segna un passo decisivo verso l’eliminazione delle barriere di paura e isolamento che il bullismo e il cyberbullismo possono creare. Con queste nuove misure, si anticipa un calo significativo degli episodi di bullismo nelle scuole italiane, e un miglioramento nel modo in cui le vittime di tali azioni vengono assistite e sostenute. La lotta al bullismo si concretizza così in azioni legislative tangibili, che promettono di modificare in modo sostanziale il tessuto delle relazioni sociali nelle nostre scuole, ponendo la dignità e il rispetto al centro della convivenza civile e dell’educazione.