125 views 3 mins 0 comments

Anniversario della Tragedia di Rigopiano: La Russa Invoca Giustizia

In POLITICA
Gennaio 18, 2024
A Sette Anni Dalla Valanga, La Vicinanza ai Parenti delle Vittime e La Lotta Incessante per Vedere Riconosciuto il Diritto alla Verità

Sette anni or sono, il silenzio della neve fu tragicamente spezzato dal ruggito di una valanga che si abbatté sull’Hotel Rigopiano, portando con sé vite e speranze. La giornata di oggi risuona di parole cariche di memoria e dolore. Il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, ricorda con rispetto e commozione le 29 anime che persero la vita in quella che è stata una delle più grandi tragedie degli ultimi anni in Italia.

L’Hotel Rigopiano, situato ai piedi del Gran Sasso, venne sepolto sotto tonnellate di neve e detriti il 18 gennaio 2017, lasciando il paese e la comunità internazionale in uno stato di sgomento. Oggi, come sette anni fa, le emozioni sono palpabili tra i membri della comunità abruzzese e tra i parenti che ancora oggi attendono risposte e che richiedono a gran voce giustizia.

La Russa, con le parole pronunciate nell’occasione dell’anniversario, tocca una corda delicata, quella della giustizia ancora in sospeso. Sottolinea la necessità di fare luce sulla catena di eventi e sulle eventuali negligenze che hanno potuto contribuire a tale catastrofe. Gli inquirenti e gli esperti, negli anni, si sono posti interrogativi riguardo alle politiche di sicurezza e alle misure di prevenzione adottate all’epoca per far fronte a potenziali disastri naturali.

Il percorso verso la verità e la giustizia sembra lungo e tortuoso, ma la determinazione dei familiari delle vittime rimane inossidabile. La loro lotta è diventata simbolo di un diritto imprescindibile: il diritto alla verità, alla sicurezza e all’integrità, tanto personale quanto collettiva. L’eco delle loro voci ha valicato le montagne dell’Abruzzo per giungere nelle aule della politica e della giustizia, con la speranza che un domani possa essere scritto un nuovo capitolo in questa dolorosa pagina di storia italiana.

Le azioni e le parole di La Russa oggi non solo rinnovano il sentimento di vicinanza e solidarietà verso chi ha perduto i propri cari, ma pongono anche un rinnovato accento sull’importanza delle responsabilità pubbliche e private in termini di tutela e prevenzione delle calamità naturali. Una lezione che deve essere riaffermata per garantire che la tragedia di Rigopiano diventi un monito perenne ad agire con coscienza e previdenza.

Mentre gli anniversari si susseguono e la memoria si fa storia, l’indagine per arrivare alla verità prosegue, augurando che, pur nel dolore, possa emergere un senso di giustizia per le famiglie ancora in attesa di risposte e per una nazione intera che guarda al futuro con la speranza che il passato non si ripeta.