258 views 3 mins 0 comments

Avellino, conclusa l’era Festa, il MID: “Finalmente l’adozione del Piano Eliminazione Barriere Architettoniche”

In AVELLINO
Aprile 15, 2024

Si è da poco conclusa l’ultima assise di Consiglio Comunale dell’Amministrazione Comunale per cinque anni targata Festa dove vi era all’ordine del giorno, presentato e regolarmente depositato agli atti della Presidenza del Consiglio Comunale dal Consigliere di minoranza Nicola Giordano, l’emendamento al Bilancio di Previsione 2024-2026 con variazione di sole partite di spesa il quale prevedeva in proposta l’istituzione di tre capitoli di spesa necessari alla programmazione del piano di eliminazione barriere architettoniche senza nemmeno alterare gli equilibri di bilancio essendo ad impatto zero ovvero 

Capitolo 1 “Redazione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA)” per 20.000 euro;
Capitolo 2 “Realizzazione degli interventi prioritari per l’attuazione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche” per 20.0000 euro;
Capitolo 3 “Acquisto di giochi ed attrezzature per diversamente abili ed adeguamento dei percorsi relativi agli spazi destinati al tempo libero” per 5.000 euro; con la contestuale riduzione dei seguenti –Cap. 14.01 “Indennità di carica del Sindaco e degli Assessori Comunali” da 724.000 a 704.00 euro;                                                                                                                                                       – Cap. 31.13.10 “Manutenzione di strade e marciapiedi” da 200.000 euro a 180.000 euro;                 – Cap. 807 “Manutenzione giochi pubblici” da 30.000 euro a 25.000 euro”.

Finalmente le persone con disabilità potranno sperare, grazie alla proposta del Consigliere di minoranza Giordano e ai continui nostri esposti e interventi a tutti i livelli e rispetto all’esito di precedente bocciatura in altra seduta consiliare di un precedentemente emendamento simile, di poter attraversare meno barriere architettoniche che con questi fondi verranno rimosse e di poter vivere con maggiore autonomia.

dalla redazione