78 views 3 mins 0 comments

Boom di Assunzioni nel Settore Turistico e della Ristorazione a Giugno

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

Con l’imminente arrivo dell’estate, l’atmosfera nei settori del turismo e della ristorazione diventa effervescente, non solo per le attese vacanze ma anche per le promettenti opportunità lavorative che si profilano all’orizzonte. Secondo l’Ufficio Studi della Fipe-Confcommercio, il mese di giugno si preannuncia ricco, con stime di oltre 122.070 posizioni lavorative aperte nel terziario, un incremento che risponde principalmente alle esigenze dei servizi di ristorazione.

Questo evidente aumento delle offerte di lavoro nel trimestre estivo, precisamente oltre 275.200 posizioni, è principalmente spinto dalla stagionalità e dall’incremento delle attività legate al turismo. Le prossime settimane vedranno una predominanza dello stipulare contratti a tempo determinato, che costituiranno il 77% del totale delle assunzioni. Mentre la permanenza e la stabilità lavorativa sono garantite dall’8% di contratti a tempo indeterminato, il resto sarà distribuito tra apprendistato e altre forme contrattuali.

Tra le figure più ricercate, i camerieri dominano la scena con la necessità di coprire 59.600 posizioni solo a giugno, un numero che si prevede salire a 137.150 durante il trimestre giugno-agosto. Seguono chef e cuochi, con 22.510 opportunità di impiego, e i baristi, con oltre 19.250 posti da riempire.

Focalizzandosi sulle ricadute economiche e sociali, è incontestabile che questo flusso di assunzioni possa rappresentare un sostegno significativo per l’economia locale. Inoltre, l’apertura su grande scala di posti di lavoro stagionali permette a molte persone di rientrare nel mercato del lavoro, rinforzando così la struttura economica interna e la distribuzione del reddito. Tuttavia, questo fenomeno stagionale porta con sé anche delle sfide, principalmente legate alla precarietà e alla temporaneità dell’impiego che non garantisce una stabilità a lungo termine per molti lavoratori.

Il mercato della ristorazione e turismo, essenziali per la cultura e l’economia italiana, si trovano così in una doppia lama: da un lato, portatori di vitalità economica e culturale, dall’altro, presentano questioni irrisolte legate alla sostenibilità del lavoro e alla qualità dell’impiego. Nonostante queste problematiche, la stagione estiva rimane un periodo chiave che può offrire non solo un’esperienza lavorativa, ma anche un trampolino di lancio per ulteriori opportunità professionali future.

In quest’ottica, è fondamentale un’analisi critica delle politiche lavorative nel settore, al fine di garantire una protezione maggiore dei diritti dei lavoratori e promuovere modelli di impiego più sostenibili e inclusivi. La riflessione deve andare oltre la stagionalità e indirizzare le strategie verso una stabilizzazione dell’impiego in questi settori vitali, canalizzando investimenti sia pubblici che privati per una crescita qualitativa dei lavori, non solo quantitativa.

In conclusione, il mese di giugno segna l’inizio di un periodo di grande fermento per il mercato del lavoro nel settore terziario legato al turismo e alla ristorazione, evidenziando sia l’opportunità di crescita economica che le sfide intrinseche di un mercato lavorativo altamente stagionale. L’analisi del fenomeno non può quindi prescindere da un esame critico sulle modalità di inserimento lavorativo e sulle prospettive di evoluzione del settore in Italia.