83 views 3 mins 0 comments

Centenario dell’Intervento Storico di Matteotti: Un Tributo alla Democrazia

In POLITICA
Maggio 30, 2024

In un’atmosfera solenne, pervasa dalla memoria storica e dal rispetto, si è tenuta oggi alla Camera dei Deputati la cerimonia commemorativa del centesimo anniversario del discorso di Giacomo Matteotti. Un evento rilevante che ha visto la partecipazione delle più alte cariche dello Stato e numerosi rappresentanti della politica, testimoniando l’importanza di questo momento di riflessione sul valore della democrazia e del coraggio civile.

Il 30 maggio 1924, Matteotti, con un intervento impassionato, denunciava le manipolazioni e le violenze compiute dal Partito Nazionale Fascista nelle elezioni del 6 aprile dello stesso anno. Oggi, esattamente un secolo dopo, la Camera dei Deputati ha reso omaggio a questo eroe della politica italiana, allestendo una mostra nel Transatlantico che sintetizza la vita e le battaglie dell’illustre parlamentare attraverso preziosi documenti storici e personale corrispondenza con la moglie Velia Titta.

La cerimonia è stata introdotta dall’inno nazionale, eseguito magistralmente dalla Banda Interforze, e moderata dall’esperto giornalista Bruno Vespa. Tra i presenti illustri, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente della Camera Lorenzo Fontana, il Presidente del Senato Ignazio La Russa e la Premier Giorgia Meloni, che hanno contribuito a rafforzare il messaggio di memoria e attualità.

Nel suo discorso, il Presidente della Camera, Lorenzo Fontana, ha annunciato una decisione simbolica ma di grande portata: il seggio da cui Matteotti pronunciò il suo storico discorso non sarà più occupato. Una targa commemorativa segna ora il luogo esatto, in una testimonianza perenne del sacrificio di Matteotti, descritto da Fontana come “uno straordinario esempio di rigore morale e impegno civile”, la cui morte “non è stata vana”.

Fontana ha poi ricordato il contenuto provocatorio e coraggioso del discorso di Matteotti, marcato da vivaci interruzioni e da un’atmosfera di palpabile tensione, documentata accuratamente nei resoconti stenografici dell’epoca. Matteotti, presente in Parlamento dal 1919, emergeva come una figura di spicco, dedicata in particolare alla tutela delle classi più fragili e alla promozione di una politica di emancipazione economica e culturale attraverso mezzi democratici e pacifici.

La commemorazione si è conclusa con un omaggio alle nuove generazioni: i giovani vincitori del concorso “Matteotti per le scuole” sono stati premiati per i loro lavori ispirati alla figura e agli insegnamenti del parlamentare. Infine, l’attore Alessandro Preziosi ha dato voce alle parole di Matteotti, rileggendo estratti del suo discorso dallo stesso scranno, in una rievocazione emotivamente potente che ha reso il passato immediatamente presente e vivo.

L’evento odierno non solo ha reso omaggio a un personaggio cruciale della nostra storia, ma ha anche posto l’accento sulla continua necessità di vigilanza e impegno nella difesa dei valori democratici. In un’epoca di sfide complesse per la politica e la società, la figura di Giacomo Matteotti emerge come un faro di integrità e coraggio, il cui messaggio è ancora sorprendentemente attuale.