29 views 3 mins 0 comments

Collaborazione Uomo-Macchina: L’avanzamento dell’Industria Antropocentrica

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

Nel corso degli ultimi decenni, abbiamo assistito a una significativa trasformazione nel modo in cui persone, ambiente e tecnologie interagiscono. Questo cambiamento si manifesta particolarmente nell’industria moderna, che sempre più si orienta verso una forma antropocentrica, dove le macchine non solo esistono, ma collaborano attivamente con l’uomo, giocando un ruolo cruciale nell’ottimizzazione delle risorse e nell’espansione delle capacità umane.

Calogero Oddo, professore associato di Bioingegneria e coordinatore del Neuro-Robotic Touch Lab all’Istituto di Biorobotica della Scuola Sant’Anna, ha recentemente trattato questi temi durante il Business Leaders Summit a Milano. Secondo Oddo, l’industria moderna non solo ha adottato nuove tecnologie a un ritmo vertiginoso, ma ha anche riformulato il proprio assetto per promuovere un’interazione simbiotica tra le capacità umane e le prestazioni delle macchine.

La nuovissima branca della biorobotica, citata da Oddo, incarna l’ideale di questa fusione tra scienza e contemporanea tecnologia. Essa mira a creare un ponte tra biologia, ingegneria e informatica per innovare e personalizzare gli approcci tecnologici in maniera che beneficino l’ambito umano, senza sopraffarlo. Questo implica un cambiamento paradigmatico rispetto alla robotica tradizionale, dove le macchine erano viste come sostituti dell’uomo piuttosto che come collaboratori.

Contrariamente a ciò, la nuova era robotica enfatizza il concetto di “macchine come abilitatori”. Ciò significa che le tecnologie avanzate non si prefiggono di soppiantare l’uomo, ma di ampliarne le possibilità. Gli esempi possono variare dalla realizzazione di operazioni chirurgiche con precisione millimetrica, fino all’assistenza nella gestione dei processi industriali complessi, mostrando che la coesistenza uomo-macchina può effettivamente portare a un miglioramento qualitativo del lavoro e della vita quotidiana.

È importante notare, come sottolinea Oddo, che questi benefici non sono limitati solamente agli individui altamente qualificati. Anche coloro che posseggono un livello di formazione più basilare possono trovare nella tecnologia un alleato per migliorare le proprie competenze e capacità operative senza temere l’obsolescenza.

In sintesi, mentre l’industria continua a evolversi e ad adattarsi alle nuove sfide del futuro, la simbiosi tra uomo e macchina emerge non solo come una possibilità, ma come una necessità. Promuovendo un ambiente collaborativo, dove tecnologia e competenza umana si uniscono, si creano nuove opportunità per innovazioni che rispettino e valorizzino la centralità dell’uomo nell’era digitale. Questo avanzamento antropocentrico dell’industria non è semplicemente un fenomeno temporaneo, ma una tendenza destinata a definire il futuro del lavoro e delle interazioni quotidiane in numerosi settori.