258 views 3 mins 0 comments

Controversie Storiche e Politiche: L’Errore di Vannacci secondo La Russa

In POLITICA
Giugno 03, 2024

Negli ultimi giorni, un dibattito acceso ha avuto luogo riguardo le dichiarazioni di un politico chiave che ha suscitato reazioni e critiche. Il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, durante un’intervista rilasciata a Telelombardia, ha espresso dissenso riguardo le parole di Vannacci, il quale ha recentemente fatto riferimento alla Decima Mas. Secondo La Russa, tale accostamento non solo era inappropriato, ma ha anche causato un cambiamento sfortunato nelle tradizioni legate alle celebrazioni del 2 giugno.

La Decima Mas, in origine, era un reparto d’élite durante la Seconda Guerra Mondiale, noto per i suoi elementi distintivi e, per alcuni, eroici comportamenti, antecedenti alla Repubblica Sociale Italiana. Questa unità è spesso ricordata con una certa ambivalenza nelle analisi storiche, dovendo bilanciare atti di valore individuale con le complessità del contesto storico in cui era attiva. Parte dei membri originali di questa unità sono stati riconosciuti con decorazioni prestigiose, inclusa la medaglia d’oro al valor militare.

Durante l’intervista, La Russa ha indicato come la tradizione del grido “Decima” durante la sfilata del 2 giugno, eseguito dai Comsubin (l’erede moderno della Decima Mas), sia stata omessa quest’anno. L’omissione è stata vista da La Russa come un diretto risultato delle parole di Vannacci, il quale con le sue dichiarazioni ha potenzialmente offuscato il senso di questa esclamazione storica evitando confusione con la sua campagna politica, privando così un momento di storico riconoscimento e orgoglio.

“Il loro seguito sono i Comsubin”, ha sottolineato La Russa, rimarcando il legame tra il passato eroico e il presente ceremonialmente rispettato. Pertanto, il mancato grido di “Decima” durante la celebrazione non è solo una variazione nel protocollo, ma rappresenta una perdita di un’occasione per onorare l’eredità storica in un contesto nazionale rilevante.

Questa situazione solleva interrogativi significativi non solo sulla conservazione delle tradizioni, ma anche sulle implicazioni delle parole nel contesto politico odierno. Come le dichiarazioni possono influenzare o modificare la percezione pubblica di simboli storici? E in che modo la memoria collettiva dovrebbe essere gestita nel discorso pubblico, specialmente da figure di spicco?

Inoltre, mentre La Russa critica l’approccio di Vannacci, emergono anche questioni più ampie legate al rispetto della storia e al suo impiego nell’arena politica. Questo episodio riflette l’importanza del vocabolario, del contesto e della sensibilità quando si tratta di temi storici significativi, specialmente quando questi sono ancora oggetto di ampia riflessione e discussione nella società italiana.

Chiaramente, questa vicenda ha evidenziato non solo la complessità del legame tra storia e identità nazionale, ma anche quanto sia delicato il bilanciamento tra memoria storica e uso politico del passato. Le ripercussioni di questo dibattito, però, vanno oltre un semplice cambio protocollo in una parata, toccando la fibra stessa di come l’Italia riflette e celebra il proprio passato, in un continuo dialogo tra memoria e presente.