83 views 3 mins 0 comments

Esercitare il diritto di voto a 100 anni: La storia di Rosetta Ierovante

In POLITICA
Giugno 09, 2024

In una dimostrazione vibrante del valore inestimabile della partecipazione civica, Rosetta Ierovante, recentemente centenaria, ha sollecitato personalmente il sindaco della sua città, Cassano allo Ionio, per ricevere accompagnamento al seggio elettorale in occasione delle recenti elezioni europee. Questo gesto, vicino alla semplice narrativa giornalistica, rivela aspetti profondi sulla cultura politica italiana e sulla performante resilienza dei suoi cittadini.

Rosetta ha affrontato le barriere dell’età e della mobilità per esercitare un diritto che vede come fondamentale, tanto da contattare direttamente Giovanni Papasso, il sindaco del Comune non coinvolto direttamente nella tornata amministrativa. La risposta positiva del sindaco non si è fatta attendere: un immediato segnale di solidarietà e supporto alla richiesta della signora Ierovante. Il primo cittadino si è recato personalmente a casa della centenaria per accompagnarla fino al seggio, garantendo così che potesse partecipare al voto.

L’intervento del sindaco Papasso non è soltanto un atto di cortesia individuale ma si incarna come testimonianza del ruolo attivo che un amministratore pubblico può assumere nella facilitazione dell’accesso ai diritti fondamentali dei cittadini. L’amministratore ha enfatizzato la sacralità del voto come pilastro della democrazia, un traguardo ottenuto attraverso lotte storiche che hanno trasformato radicalmente la società italiana.

“Il voto è un diritto sacrosanto, una conquista democratica che non deve essere mai sottovalutata”, ha dichiarato Papasso. Le sue parole non solo amplificano il valore dell’atto di votare ma risuonano anche come un richiamo alla responsabilità civica di ogni individuo, indipendentemente dalla età.

Questa storia personale di Rosetta Ierovante diventa emblematica per più ragioni. Innanzitutto, illustra una continuità nella pratica democratica che supera le barriere generazionali e fisiche. Inoltre, enfatizza la necessità di una infrastruttura e di un supporto comunitario che facilitino l’espressione di questo diritto fondamentale a tutti i cittadini, specialmente a coloro che si trovano in condizioni di vulnerabilità come gli anziani.

Il sindaco ha celebrato la volontà della signora Ierovante di votare come simbolo di un desiderio inestirpabile di partecipare attivamente alle scelte che modellano la società. Questo aneddoto locale diviene così un microcosmo illustrativo degli ideali democratici europei e dell’impegno incessante per preservarli.

Concludendo, la storia di Rosetta e il supporto del sindaco Papasso non sono solo esempi di civismo e responsabilità politica, ma anche fonte di ispirazione. La partecipazione elettorale è spesso percepita con apatia, particolarmente tra le giovani generazioni; tuttavia, il caso di Rosetta Ierovante rinnova la percezione del voto come uno strumento di cambiamento e di affermazione della volontà popolare. In vista del futuro, il dialogo tra i cittadini e i rappresentanti pubblici su come rendere il processo di votazione più accessibile, diventerà sempre più significativo, mirando a garantire che ogni voce possa essere udita, come quella risoluta di Rosetta.