180 views 3 mins 0 comments

Il Dilemma del Decreto Legislativo sull’Agricoltura: Tra Sostegno e Complicazioni

In ECONOMIA
Giugno 11, 2024

Recentemente, durante un’audizione alla commissione industrie del Senato, Gianfranco Torriero, vice direttore generale dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI), ha svelato una situazione complessa che riguarda il nuovo decreto legislativo destinato al settore agricolo. Questa disposizione, concepita per alleviare le sofferenze finanziarie delle imprese agricole, pare paradossalmente destinata a peggiorare la loro condizione a causa di un conflitto con le normative europee.

Il problema principale risiede nella moratoria bancaria, introdotta dal decreto con l’intenzione di offrire un respiro finanziario alle imprese. Tale strumento prevede una sospensione delle obbligazioni di pagamento per le aziende, con l’obiettivo di alleviarne temporaneamente i carichi finanziari durante periodi di particolare difficoltà. Tuttavia, secondo Torriero, l’implementazione automatica e obbligatoria di questa misura si scontra con una serie di regolamenti europei già in vigore, che regolano in modo stringente gli aiuti di Stato e la stabilità finanziaria.

Il vice dg dell’ABI ha evidenziato come questa situazione crei un paradosso: invece di facilitare la sopravvivenza e la prosperità delle aziende agricole, la normativa rischia di complicarne l’operatività e la gestione del debito. Ciò potrebbe rendere più ardua la continuità produttiva, essenziale non solo per le singole aziende ma anche per l’economia nazionale dato il peso significativo del settore agricolo nell’economia italiana.

Da qui l’appello dell’ABI e delle associazioni di categoria per un’applicazione più flessibile della moratoria, che non sia né obbligatoria né automatica, ma che possa essere adattata alle specifiche necessità e circostanze di ogni singola impresa. Questo approccio personalizzato potrebbe permettere una migliore integrazione delle disposizioni nazionali con i vincoli imposti dall’Unione Europea, facilitando contestualmente la gestione finanziaria delle aziende agricole in un periodo di generale incertezza economica.

Questo frangente mette in luce la complessità di navigare tra l’assistenza necessaria alle imprese in difficoltà e il rispetto dei rigidi vincoli sovranazionali. L’equilibrio è delicato e richiede una riflessione profonda sul modo migliore per supportare uno dei settori più vitali dell’economia italiana senza contravvenire agli impegni europei.

Il dibattito suscitato da queste dichiarazioni apre ad una riflessione più ampia sulle politiche di supporto alle imprese in contesti economici complessi. È evidente l’importanza di un dialogo costruttivo tra le istituzioni finanziarie, le autorità politiche e le imprese stesse per assicurare che le misure di supporto non solo siano efficaci ma anche realizzabili nel rispetto di regole superordinate.

Non c’è dubbio che la situazione richieda una navigazione accorta e forse, anche una reimpostazione delle strategie attuali, per assicurare che il sostegno al settore agricolo sia sia efficace che equo, e soprattutto, in linea con un quadro normativo europeo sempre più stringente.