122 views 3 mins 0 comments

Il Varo della Fremm “Emilio Bianchi”, un Nuovo Capitolo per la Marina Militare e Fincantieri

In ECONOMIA
Maggio 25, 2024

Questa mattina, il cantiere di Fincantieri a Riva Trigoso, situato nella pittoresca cittadina di Sestri Levante, è stato teatro di un evento significativo per la difesa e l’industria navale italiana: la cerimonia di varo della nave Fremm “Emilio Bianchi”. Quest’ultima, destinata a rafforzare la flotta della Marina Militare Italiana, riflette la continua evoluzione tecnica e la solidità dell’intero settore marittimo italiano.

La nave “Emilio Bianchi”, che porta il nome di uno storico eroe militare italiano, rappresenta l’ultima di una serie prestigiosa di unità multifunzione, sviluppate in collaborazione con il programma italo-francese Fremm. Questa nave è gemella di quella venduta precendentemente alla Marina Militare Egiziana, segno dell’importanza e della reputazione delle costruzioni navali italiane sui mercati internazionali.

La cerimonia è stata impreziosita dal tradizionale taglio del nastro e dalla rottura di una bottiglia, eseguita da Elisabetta Bianchi, nipote dell’eroico Enrico Bianchi. Una scelta simbolica che rafforza il legame tra le generazioni e l’orgoglio nazionale nei momenti di celebrazione di nuove conquiste tecnologiche e militari.

Il varo ha visto la partecipazione di circa 250 ospiti, tra cui figure di spicco dell’industria e rappresentanti dei lavoratori. Durante l’evento, l’accento è stato posto non solo sulle capacità operative della nave, ma anche sulle implicazioni socioeconomiche che la costruzione di tali unità comporta per la comunità locale. Significativamente, i rappresentanti sindacali hanno sollevato questioni rilevanti relative all’assunzione di personale locale, evidenziando la prevalenza di lavoratori esteri tra gli oltre 1500 impiegati, e sottolineando le sfide di integrazione e sicurezza che tale diversità comporta per il cantiere.

La nave ora si appresta a essere trasferita al cantiere di Muggiano, La Spezia, dove subirà ulteriori test e l’installazione dei sofisticati sistemi d’armamento che la caratterizzeranno come uno degli strumenti più avanzati a disposizione della nostra difesa marittima.

Inoltre, la menzione di nuove acquisizioni previste per l’autunno, tra cui pattugliatori destinati a marinerie estere, riconferma l’intenzione di Fincantieri di rimanere una pietra miliare nel settore della costruzione navale, capace non solo di rispondere alle necessità nazionali ma anche di competere con successo sui mercati internazionali.

Questo evento non rappresenta solo una nuova aggiunta significativa alla nostra flotta militare; simboleggia anche le molteplici sfide economiche, lavorative e sociali che l’industria marittima deve continuamente affrontare e risolvere. La crescita della presenza di lavoratori stranieri pone questioni di integrazione culturale e sicurezza lavorativa che richiedono attenzioni specifiche per garantire un ambiente di lavoro coeso e produttivo.

In conclusione, il varo della Fremm “Emilio Bianchi” è un chiaro esempio di come tradizione e innovazione possano camminare di pari passo nella perpetua marcia di progresso tecnologico e sociale del nostro paese, sottolineando come l’Italia continui a svolgere un ruolo di primo piano negli equilibri marittimi e difensivi globali.