41 views 3 mins 0 comments

Moncler sfiora i 3 miliardi di ricavi nel 2023

In ECONOMIA
Febbraio 29, 2024
Crescita solida per il colosso del lusso, dividendo in aumento e prospettive strategiche per affrontare un contesto incerto

Il gigante della moda di lusso Moncler ha chiuso l’anno 2023 con una performance finanziaria robusta, registrando ricavi di gruppo prossimi alla soglia significativa dei 3 miliardi di euro. Il marchio, noto per le sue piumini griffate e prodotti di alta gamma, ha mostrato una crescita considerevole del 17% rispetto all’anno precedente. Questo risultato è particolarmente rilevante in quanto entrambe le linee di prodotto, Moncler e Stone Island, hanno registrato una marcata accelerazione durante l’ultimo trimestre, contribuendo in modo decisivo al risultato annuale.

La conferma di tale andamento positivo viene evidenziata anche dai numeri solidi che caratterizzano gli altri parametri economici. L’ebit, ovvero l’utile prima degli interessi e delle tasse, ha raggiunto la cifra di 894 milioni di euro per il 2023, corrispondenti a un margine del 30% sui ricavi. Questo margine operativo è indicativo di una gestione efficiente e di un modello di business che anche in tempi incerti riesce a mantenere elevata la propria redditività.

Il Gruppo Moncler ha inoltre comunicato una posizione di cassa netta che supera il miliardo di euro, un segnale di forza finanziaria che poche aziende possono ostentare. Tale posizione permette di guardare al futuro con una maggiore tranquillità operativa e strategica. Contestualmente, il risultato netto di gruppo si attesta sui 611,9 milioni di euro. Questa cifra, se paragonata al 2022, dove il risultato netto era di 606,7 milioni constatando un beneficio fiscale straordinario di 92,3 milioni per il riallineamento del valore fiscale del marchio Stone Island, evidenzia una continuità di profitti sostanziosi.

Il board di Moncler, manifestando fiducia nella solidità dell’azienda, ha approvato una proposta di dividendo di 1,15 euro per azione, garantendo così un ritorno economico agli azionisti che rispecchia l’ottima performance aziendale.

Nonostante l’ottimismo legato ai risultati raggiunti, il presidente e amministratore delegato Remo Ruffini ha sottolineato la complessità e l’imprevedibilità del contesto economico e commerciale attuale. L’azienda si propone di affrontare questa sfida mantenendo un approccio vigile, sfruttando la propria agilità e capacità di reagire prontamente a eventuali mutamenti di scenario. Parallelamente, Moncler continuerà a investire nella sua struttura organizzativa, nei suoi marchi e nei talenti che rappresentano una risorsa essenziale per la crescita futura. La visione a lungo termine, unita alla determinazione di spingersi sempre più in alto, segnano il cammino che l’azienda intende percorrere per mantenere la propria posizione leader nel settore del lusso.