288 views 6 mins 0 comments

Napoli, amministrative 2024, sono 22 le sfide sul territorio provinciale.

In NAPOLI, POLITICA
Maggio 11, 2024
Ventidue comuni al voto in provincia di Napoli, un totale di quasi 400mila cittadini.

Alle ore 12’00 di oggi  sono scaduti i termini per le presentazioni di liste e candidature. Ventidue comuni al voto in provincia di Napoli, un totale di quasi 400mila cittadini. L’8 e 9 giugno si ridisegna un’ampia fetta della geografia amministrativa. Il comune più popoloso (oltre 74mila abitanti) è Casoria, dove il sindaco uscente Raffaele Bene schiera 7 liste, tra le quali Pd, M5S, AVS e la deluchiana Campania Libera. Tre antagonisti: Nicola Mangani (Fratelli d’Italia), Fabio Cristarelli (Azione) ed Ernesto Valiante (Civica centrodestra). Torna alle urne anche Castellammare di Stabia, dopo due anni e mezzo di commissariamento, seguito allo scioglimento per camorra. Il centrosinistra lancia il giornalista Gigi Vicinanza, sostenuto da un esercito di 13 liste. Un campo largo che va dal Pd al M5S, passando per AVS ed Azione. Non scherza neppure Mario D’Apuzzo del centrodestra, con le sue 10 liste: oltre a Fi e FdI, c’è pure Italia Viva. Altro Comune reduce da un biennio commissariale è Torre Annunziata, dove sono quattro i nomi in campo. Il centrosinistra presenta Corrado Cuccurullo, forte di 8 liste (Area socialista, Azione-Siamo europei, Partito Democratico, Per le persone e la comunità, Più Europa, Popolari per la pace, Progressisti e Democratici e Torre Annunziata libera). Anche Carmine Alfano del centrodestra conta su 8 liste (Fare Democratico, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Insieme per Torre, Italia Viva, Orgoglio e dignità torrese, Torre dei Valori e 3 C cultura civiltà e cambiamento). Ai nastri di partenza anche Maria Antonietta Zeppetella del Sesto (M5S) e Lucio D’Avino per Oplonti Futura. A Sant’Antimo corsa a tre, per un’amministrazione sciolta due anni fa, causa mancata approvazione del bilancio di previsione. Il centrosinistra ripresenta Massimo Buonanno, ultimo sindaco in carica, in una coalizione a 4 (Pd, Psdi, Centro Popolare, Voltiamo Pagina, Impresa Futuro). Tre civiche, invece, a sostegno di Domenico Russo (Con te per S.Antimo, S.Antimo Viva al Centro e 80029 S.Antimo). In lizza anche Nicola Marzocchella con le 7 liste (Marzocchella Sindaco, Agorà, Insieme per Sant’Antimo, Rinascita Sant’Antimese, Pensiero Comune, Nuova Sant’Antimo e Nuovo pensiero Democratico). E nella lunga serie di comuni commissariati rientra San Giuseppe Vesuviano. Qui si affrontano Michele Sepe del centrosinistra (Pd, M5S, Cdu e 3 civiche), Tommaso Andreoli, ex vice sindaco del centrodestra (6 civiche), e Vincenzo Sangiovanni (5 civiche). A Bacoli, viceversa, si ricandida l’uscente Josi Della Ragione, sostenuto da Pd e M5S, oltre che dalla sua storica lista Free Bacoli e da Città Flegrea. A sfidarlo c’è Ermanno Schiano del centrodestra, già primo cittadino tra 2010 e 2015: la sua coalizione annovera Forza Italia, Fratelli d’Italia, Insieme per Bacoli, Italia Viva, Il Pappice e Prima Bacoli. A Monte di Procida un altro voto post commissari (dimissioni dei consiglieri), e tre aspiranti: Teresa Coppola, Peppe Pugliese e Salvatore Scotto di Santolo. Altra amministrazione sinora commissariata (dimissioni dei consiglieri) è Grumo Nevano. In competizione sono Umberto Cimmino del centrosinistra (Pd e 3 civiche) e Gaetano Di Bernardo del centrodestra (Fi, FdI e 2 civiche). Due candidati anche a Trecase, in zona vesuviana: l’attuale primo cittadino e presidente dell’ente parco nazionale del Vesuvio, Raffaele De Luca (centrodestra) e Vincenzo Erbetta (centrosinistra). Si torna al voto anche nell’isola azzurra. Al comune di Capri il match sarà tra Paolo Falco (Capri Futura), attuale capogruppo di opposizione, e Ciro Lembo (Capri ai Capresi), vice sindaco nell’ultimo quinquennio, in altri anni due volte sindaco. Ad Anacapri sono in pista Franco Cerrotta, vice sindaco nell’ultima consiliatura (e 4 volte sindaco in passato) e Stefania Pelli (Anacapri Responsabile). A Casola di Napoli si sfidano Domenico Peccerillo (Casola in Positivo) e Alfredo Rosalba (LeAli per Casola). Schema analogo a Meta di Sorrento: l’uscente Giuseppe Tito (Patto per Meta-Tito Sindaco) se la vedrà con Francesco Pane (ViviAmo Meta). A Santa Maria la Carità l’attuale sindaco Giosuè D’Amora (M273) avrà per rivale Salvatore Filosa (Qui Ora). Discorso diverso a Sant’Antonio Abate. Unica candidata è la sindaca uscente Ilaria Abagnale (Federazione Abatese; Ilaria Abagnale Sindaco; La Forza Gentile con Ilaria Abagnale Sindaco; Ilaria Valore Abatese). Per lei la conferma, dunque, appare vicina. Identico scenario a Roccarainola, per l’uscente Giuseppe Russo, il solo a candidarsi. Round a tre anche a Striano: Nando Rendina (Esserci), Giulio Gerli (Insieme), Antonio Del Giudice (Striano prima di tutto). Per Casandrino, aspiranti sindaco sono Rosa Marrazzo (Vivi la scelta) e Angelo Chianese (Costruiamo Insieme). A Carbonara di Nola si contendono la scena l’uscente Antonio Iannicelli e Vincenzo Rainone. A Comiziano in gara Severino Nappi e Teresa Tortora. Crispano: a confrontarsi Michele Emiliano (Unità e Cambiamento) e Sossio Vitale (Puntiamo su Crispano). A Liveri, infine, candidati l’uscente Raffaele Coppola e Felice Rainone.

di Marco Iandolo