34 views 2 mins 0 comments

Napoli in Piazza per Ilaria Salis: Richiesta di Libertà

In POLITICA
Marzo 28, 2024

Una ondata di solidarietà si è manifestata nel cuore di Napoli, dove esponenti di diversi movimenti sociali si sono riuniti in Largo Berlinguer per manifestare sostegno e chiedere la liberazione di Ilaria Salis, la giovane insegnante italiana attualmente sotto processo in Ungheria, a cui è stata recentemente negata la possibilità di arresti domiciliari nella capitale Budapest.

Il caso di Ilaria Salis ha suscitato notevole attenzione negli ambienti antifascisti e tra gli attivisti per i diritti umani, considerato un simbolo delle difficoltà che i sostenitori di queste cause possono incontrare in paesi con governi di orientamento politico diverso. Secondo gli organizzatori del raduno, il tempo trascorso da Ilaria in carcere sembra eccessivo e le condizioni di detenzione vengono descritte come umilianti. A loro dire, Ilaria è stata punita per la sua attività antifascista in un contesto politico che non vede di buon occhio le sue posizioni.

Le preoccupazioni riguardano non solo la situazione giudiziaria di Ilaria, ma anche il silenzio percepito da parte del governo italiano rispetto alla vicenda. Le parole di Alfonso De Vito, uno degli organizzatori della manifestazione napoletana, sono state pungenti: ha esortato il governo a non ignorare le difficoltà di una cittadina italiana all’estero, specialmente quando la detenzione è ritenuta ingiusta a livello internazionale da più parti.

“Dal nostro piccolo ma fervente angolo di Italia, mandiamo una voce che sappia riecheggiare nelle sale del potere” esclama De Vito. “Ilaria rappresenta valori che non dovrebbero mai essere zittiti per convenienza politica o per disinteresse.”

Dalle parole dei manifestanti emerge un ritratto di Ilaria Salis come una persona convinta dei suoi principi, una visione confermata dalle sue lettere che descrivono la percezione di un’ingiustizia profonda, ma anche la certezza di lottare per la giustizia e l’equità.

Napoli quindi si unisce ad altre città italiane, come Milano e Roma, dove iniziative simili hanno preso piede. Tali manifestazioni non solo tengono vivo il dibattito sul caso di Ilaria Salis, ma dimostrano anche un senso di comunità che trascende i confini nazionali, basato sulla solidarietà e sulla difesa dei diritti individuali. Il messaggio è chiaro: è tempo di agire per assicurare che una delle loro concittadine possa tornare a casa.