47 views 3 mins 0 comments

Scossoni nei Mercati Europei: Elezioni e Decisioni di Politica Monetaria Incidono sui Listini

In ECONOMIA
Giugno 10, 2024

In uno scenario internazionale sempre più interconnesso, le reazioni dei mercati finanziari ai cambiamenti politici ed economici diventano istantanee e spesso pronunciate. La recente tornata di elezioni per il Parlamento europeo non ha fatto eccezione, mostrando una tendenza generale al rafforzamento delle opposizioni nei vari paesi, con l’eccezione dell’Italia, dove i partiti al governo hanno mantenuto una solida posizione.

Con un calo significativo, la Borsa di Parigi ha registrato una delle peggiori performance, con una diminuzione del 1,9% nel suo indice principale. Una reazione principalmente attribuibile al voto anticipato richiesto dal presidente Emmanuel Macron, il cui esito potrebbe portare a un rimescolamento della scena politica francese. Anche Milano ha mostrato segni di debolezza con una contrazione dell’1%, coerente con le performance di altri mercati come Francoforte e Madrid, rispettivamente con cali dello 0,8% e dello 0,7%.

Nell’arco della Manica, la Borsa di Londra ha mostrato una modesta retrocessione dell’0,4%. È interessante notare come il Regno Unito, per la prima volta dopo la sua uscita dall’Unione Europea, non abbia partecipato al voto, ciò nonostante ha subito ripercussioni indirette legate al clima generale di incertezza.

Il fronte americano rivela una cautela simile, con i futuri USA in declino sia a causa delle turbolenze in Europa sia in attesa delle decisioni della Federal Reserve sui tassi d’interesse. Le attese si orientano verso una conferma dei tassi attuali con possibili aperture a politiche più accomodanti da parte del Comitato Federale.

Sul piano valutario, l’euro ha subito una deprezzamento scendendo a 1,07 dollari, il suo valore più basso nell’ultimo mese, mentre la sterlina ha visto una flessione a 1,27 dollari. Nonostante ciò, la valuta britannica ha guadagnato terreno rispetto all’euro, attestandosi a 1,18.

Le difficoltà maggiori si sono concentrate sui titoli bancari, in particolare a Parigi. Banche come SocGen, Bnp e Credit Agricole hanno visto le loro quotazioni cadere ripettivamente del 6,57%, 4,11% e 4,06%, dimostrando una fragilità che ha trovato riscontri simili anche nei listini di Milano e Francoforte.

Il mercato obbligazionario ha presentato dinamiche complesse, con il differenziale tra Btp italiani e Bund tedeschi decennali sotto quota 140 punti, sebbene il rendimento annuale italiano sia cresciuto di 9,7 punti base al 4,05%. Un modesto aumento si è verificato anche nei rendimenti tedeschi e francesi, testamento dell’avversione al rischio che imperversa tra gli investitori.

L’industria automobilistica non è stata risparmiata, con le azioni di colossi come Volvo, Stellantis e Volkswagen tutte in territorio negativo. La holding Porsche ha subito una battuta d’arresto ancora più marcata perdendo il 3,29% del suo valore.

Queste dinamiche riflettono una fase di elevata incertezza e volatilità, dove i mercati finanziari sembrano particolarmente sensibili ai fermenti politici e alle politiche economiche. In questo contesto turbolento, gli investitori appaiono braccati tra la necessità di proteggere i propri asset e il tentativo di navigare un paesaggio economico che continua a evolversi rapidamente sotto la spinta di eventi geopolitici di grande rilevanza.