75 views 3 mins 0 comments

Superbonus e Retroattività: Analisi delle Consequenze sulla Capacità di Acquisto delle Banche

In ECONOMIA
Maggio 15, 2024

Il panorama economico italiano è recentemente stato scosso da un’importante presa di posizione dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI) in merito alla retroattività dell’emendamento sul Superbonus approvato dal governo. Secondo l’ABI, la modifica non soltanto limita la chiarezza necessaria ma presenta notevoli complicazioni per il settore bancario.

L’emendamento introdotto ha parzialmente risposto alle questioni sollevate nei giorni precedenti l’approvazione, lasciando però aperte numerose incertezze. Specificamente, l’ABI solleva preoccupazioni riguardo all’impossibilità per le banche di compensare i crediti d’imposta precedentemente acquistati. Questo aspetto potrebbe riflettersi negativamente sulla capacità delle banche di sostenere ulteriori acquisti di crediti, in un momento in cui il sostegno economico alle imprese è vitale per la ripresa post-pandemica.

Il documento, approvato all’unanimità dal comitato esecutivo dell’ABI riunitosi a Milano, evidenzia che il rischio maggiore è una sorta di freno all’acquisto di nuovi crediti, che potrebbe avere ripercussioni dirette sulle imprese italiane. Molte di queste dipendono dalla possibilità di cedere tali crediti per finanziare non solo le ristrutturazioni sostenibili grazie al Superbonus ma anche per garantire una liquità sufficiente alla loro operatività quotidiana.

Il Superbonus, strumento introdotto per incentivare interventi di miglioramento energetico e antisismico degli edifici, ha visto una vasta partecipazione. Tuttavia, le politiche di retroattività stabiliti con l’ultimo emendamento potrebbero incidere sulla sostenibilità finanziaria dell’iniziativa, dissuadendo le banche dall’acquistare crediti futuri.

Analizzando più a fondo, l’ABI suggerisce che una revisione dei piani di acquisto potrebbe essere inevitabile. Questo significa che le previsioni e gli investimenti pianificati potrebbero richiedere una riorganizzazione, influenzando negativamente tempi e modi di realizzazione dei progetti supportati dal Superbonus. L’effetto a catena sulla filiera delle costruzioni e ristrutturazioni potrebbe quindi essere significativo.

C’è da chiedersi quale sarà il prossimo passo sia per le banche che per il governo: se da un lato le istituzioni finanziarie potrebbero ritrovarsi a dover rivedere le loro strategie di investimento, dall’altro il governo potrebbe necessitare di introdurre nuove normative o chiarimenti per assicurare che l’obiettivo originale del Superbonus non venga compromesso.

Questo scenario dimostra quanto sia delicato il bilanciamento tra le necessità di stimolo economico e la stabilità finanziaria, soprattutto in un periodo di ripresa come quello attuale. Per il momento, l’industria bancaria e il settore delle costruzioni rimangono in attesa di sviluppi ulteriori che possano dirimere le incertezze e offrire un orizzonte più chiaro per il futuro economico del paese. Con gli occhi puntati sull’esito di queste interazioni, si misurerà la capacità del governo di gestire le contraddizioni tra incentivi economici e necessità finanziarie in tempi di incertezza.