257 views 3 mins 0 comments

Tensioni Commerciali e Dinamiche di Mercato: L’Apertura Negativa delle Borse Asiatiche

In ECONOMIA
Maggio 13, 2024

Nella mattinata odierna, un vento di preoccupazione ha soffiato sui mercati finanziari di Hong Kong, Shanghai e Shenzhen. Queste piazze borsistiche hanno inaugurato le negoziazioni con indicazioni negative, complice la suspense legata all’attesa imposizione di dazi americani sui prodotti ecologici di importazione cinese, con particolare focus sulle auto elettriche. Questi sviluppi si inseriscono in un contesto di turbolenza economica, aggravata da recenti dati sui prezzi al consumo che continuano a flirtare con la deflazione.

L’indice Hang Seng di Hong Kong ha registrato un calo dello 0,31%, attestandosi a 18.904,58 punti nelle prime fasi del trading. Parallelamente, l’indice Composite di Shanghai ha mostrato un decremento dello 0,48%, scendendo a 3.139,48 punti, mentre l’indice di Shenzhen ha subito una flessione ancora più marcata dello 0,75%, raggiungendo 1.770,38 punti.

Questi movimenti negativi rispecchiano una crescente inquietudine tra gli investitori, che attendono con ansia i dettagli sui nuovi dazi statunitensi, che potrebbero notevolmente influenzare il flusso commerciale trans-Pacifico, particolarmente nel settore delle tecnologie verdi. Questa strategia di Washington sembra essere un ulteriore sviluppo nella lunga serie di misure protezionistiche che hanno caratterizzato gli ultimi anni di rapporti sino-americani.

Sul fronte interno cinese, l’ultimo report sui prezzi al consumo offre una visione leggermente ottimistica, ma non priva di preoccupazioni. Ad aprile, l’inflazione annuale ha mostrato un incremento dello 0,30%, un dato superiore alle aspettative che si posizionavano al +0,10%, e in miglioramento rispetto allo stesso dato registrato il mese precedente. Tuttavia, questa lieve ripresa non deve trarre in inganno: su base mensile, l’aumento dei prezzi è stato solo dello 0,1%, un miglioramento modesto rispetto al calo dell’1% di marzo, che ha rappresentato la contrazione più severa degli ultimi tre anni.

Ancora più critica appare la situazione dei prezzi alla produzione, che rimangono imprigionati in una spirale deflattiva per il diciannovesimo mese consecutivo. Il tasso di contrazione ad aprile è stato del 2,5%, un’attenuazione rispetto al -2,8% di marzo, ma ancora al di sotto delle previsioni analitiche che avevano stimato una contrazione del 2,3%.

Questi dati riflettono un duplice scenario di sfide economiche in Cina: da un lato, la pressione inflattiva che si allontana timidamente dalla deflazione, dall’altro, una produzione che continua a subire il peso di costi decrescenti, segno di una domanda interna ed esterna che fatica a riprendersi.

In questo contesto di instabilità e incertezza, gli occhi degli operatori economici, analisti e investitori restano puntati sulle manovre di politica commerciale internazionale e sui segnali macroeconomici interni, cercando di interpretare i possibili scenari futuri per le economie asiatiche e globali. La combinazione di questi fattori renderà i mercati particolarmente sensibili a qualsiasi nuovo sviluppo, sottolineando l’importanza delle prossime mosse politiche e economiche nel definire le traiettorie di crescita a medio e lungo termine.