25 views 2 mins 0 comments

Trieste Onora Mattarella e Pahor con la Laurea Honoris Causa

In POLITICA
Marzo 29, 2024

Sarà una celebrazione di alto valore simbolico e istituzionale quella che avrà luogo il prossimo 12 aprile nell’aula magna dell’Università di Trieste, con il conferimento della laurea magistrale honoris causa in Giurisprudenza al capo dello stato italiano, Sergio Mattarella e all’ex presidente della Slovenia, Borut Pahor. Un evento di spicco annunciato dall’istituzione accademica che vedrà l’apice di un percorso di riconciliazione pluriennale tra Italia e Slovenia.

L’iniziativa, resa pubblica dall’Università di Trieste, segue l’annuncio fatto a dicembre dal rettore Roberto Di Lenarda in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico. In quel contesto, Di Lenarda aveva esaltato il ruolo dell’ateneo quale luogo di incontro e scambio culturale, evidenziando come esso operi in qualità di mediatore tra diverse realtà storiche e culturali, soprattutto nell’area adriatica.

La scelta di premiare Mattarella e Pahor si inserisce in un contesto più ampio di pacificazione e dialogo avviato dai due leader. Il momento chiave di questo procedimento diplomatico risale a luglio 2020, quando, in occasione della restituzione del Narodni dom alla comunità slovena di Trieste, i presidenti si incontrarono nella città giuliana. Un gesto significativo la loro stretta di mano davanti alla foiba di Basovizza, divenuta il simbolo di un passato doloroso e condiviso, al quale entrambe le nazioni stanno cercando di porre rimedio attraverso atti di comprensione reciproca e di collaborazione.

La laurea honoris causa che verrà conferita ai due ex presidenti rappresenta quindi una sorta di sigillo su questo processo di vicinanza e cooperazione. Un gesto che non solo celebra le individualità dei due politici, ma che sottolinea quanto le istituzione accademiche siano parte attiva nella costruzione di ponti tra i popoli, promuovendo attivamente la cultura del dialogo e della riconciliazione.

L’Università di Trieste, nel suo centenario, diventa così teatro di un evento che non si limita all’ambito accademico, ma che assume una connotazione storica e politica, suggellando il contributo di Mattarella e Pahor alla causa della concordia internazionale. A conferma di ciò, l’importanza di tale riconoscimento risiede nel messaggio di pace che vuole trasmettere, ribadendo l’impegno costante e necessario per superare le ferite lasciate dalla storia sui popoli europei.