89 views 3 mins 0 comments

Turbulenze sui Mercati Europei nel Post-Elezioni UE

In ECONOMIA
Giugno 10, 2024

La recente tornata elettorale europea ha scosso non soltanto il panorama politico, ma anche i mercati finanziari del continente. I listini delle principali borse europee mostrano una tendenza al ribasso in risposta alle incertezze generate dall’esito del voto. Mentre gli occhi sono puntati sulla risposta degli investitori e sulle reazioni dei mercati finanziari, emerge un quadro di cautela e preoccupazione.

Particolare attenzione è rivolta al mercato azionario francese, che mostra una significativa contrazione dell’1,51%. Questo movimento al ribasso si innesta in un contesto di tensione politica interna, exacerbata dall’annuncio di elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron. Anche le altre maggiori piazze finanziarie europee registrano perdite, con Madrid, Francoforte e Milano che segnalano cali rispettivamente dello 0,64%, dello 0,54% e dello 0,5%. Londra, esclusa dal voto post-Brexit, registra un decremento più contenuto dello 0,25%.

Il clima di incertezza non si limita ai mercati azionari. I movimenti osservati sui mercati obbligazionari indicano un aumento della tensione. Il differenziale di rendimento tra i titoli di stato italiani (Btp) e i Bund tedeschi si attesta a 139,4 punti base, con il rendimento annuo dei Btp che sale di 10,3 punti, raggiungendo il 4,06%. Anche il rendimento dei titoli di stato francesi mostra un aumento significativo, posizionandosi al 3,2%, il livello più alto dal novembre dello scorso anno.

La moneta unica europea non è rimasta immune dagli shock: l’euro scende a 1,07 dollari, un minimo che non si registrava da un mese, mentre la sterlina britannica deprezza fino a 1,27 dollari, sebbene guadagni terreno rispetto all’euro, attestandosi a 1,18.

Il settore bancario, soprattutto in Francia, è tra i più colpiti. Istituti come Société Générale, BNP Paribas e Crédit Agricole vedono i loro titoli cedere pesantemente, con cali che vanno dal 3,76% al 7,4%. La situazione non è migliore nelle altre grandi piazze finanziarie, dove banche come Commerzbank a Francoforte e BBVA a Madrid registrano perdite significative.

Inoltimana dominante focalizza su un sviluppo affannoso nei settori di produzione più esclusivi e di lusso; da Cucinelli e Moncler a Milano, fino a Hermes, LVMH e Christian Dior a Parigi, tutti segnalano flessioni marcate.

Mentre gli osservatori continuano a monitorare gli sviluppi, è chiaro che i risultati delle elezioni hanno impartito una lezione severa in termini di instabilità finanziaria e politica. L’Europa si trova davanti a una sfida cruciale: stabilizzare i mercati finanziari in un clima di crescente incertezza politica e sociale, il che richiederà manovre politiche astute e misurate, e una comunicazione chiara da parte delle autorità per rassicurare gli investitori e i cittadini. Nel frattempo, gli operatori del mercato rimangono in allerta, pronti a reagire ai più piccoli segnali di instabilità o speranza.